C'è aria di novità in casa Fendi, la Maison ha nominato un nuovo direttore creativo delle collezioni donna: si tratta di Kim Jones, che a partire da questo momento prenderà il posto di Karl Lagerfeld, firmando le linee Haute Couture, Prêt-à-porter e Fur Donna. Andrà ad affiancare Silvia Venturini Fendi, alla quale continuerà a essere affidata la creazione delle collezioni Uomo e Accessori Donna. Lo stilista non abbandonerà il suo ruolo di direttore artistico a capo di Dior Men, in parallelo collaborerà anche con la nota griffe italiana, firmando i suoi primi abiti Pret-à-porter per la stagione Autunno/Inverno 2021-22, che verrà presentata durante la Milano Fashion Week del prossimo febbraio.

I successi di Kim Jones

Kim Jones è nato a Londra nel 1973 e da sempre ha avuto la passione per la moda. Da ragazzino ha studiato prima grafica e fotografia alla Camberwell School of Art, poi MA Fashion alla Central Saint Martins, dove si è laureato nel 2002. L'anno successivo ha debuttato nel fashion system con il suo marchio omonimo, collaborando in contemporanea anche con altri brand, tra cui Hugo Boss, Umbro, Mulberry, Iceberg e Kanye West's Pastelle. Nel 2008 è diventato direttore creativo di Alfred Dunhill, per poi sostituire Paul Helbers a capo della divisione prêt-à-porter maschile di Louis Vuitton nel 2011. I suoi successi non sono finiti qui, nel 2018, dopo aver lasciato la griffe francese, è stato nominato stilista di Dior Homme, è stato lui a firmare l'abito indossato da David Beckham durante il Rotal Wedding del principe Harry. Ora per lui si apre un nuovo capitolo, quello al timone della collezione femminile di Fendi, ruolo che era stato lasciato vuoto dopo la morte di Karl Lagerfeld.

Kim Jones lavorerà in contemporanea per Fendi e Dior

Kim Jones lavorerà per due Maison in contemporanea, a tal proposito ha dichiarato: “Poter entrare a far parte di Fendi e continuare il mio lavoro per Dior Uomo è un enorme privilegio. Vorrei ringraziare profondamente Monsieur Arnault, Pietro Beccari, Serge Brunschwig e Silvia Venturini Fendi per questa incredibile opportunità. Lavorare in due maison così prestigiose è un vero onore come designer". Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato del gruppo LVMH, lo ha definito un "grande talento", certo del fatto che riuscirà a esprimere con modernità e audacia la tradizione e l'eleganza di Fendi.