H&M è diventato protagonista di una vera e propria rivoluzione nel fashion system, il colosso svedese della moda low-cost ha infatti lanciato una esclusiva campagna pubblicitaria che da giorni sta facendo il giro del web, riscuotendo un incredibile successo. Il motivo? Celebra uno stereotipo femminile "reale", dicendo addio alle modelle magrissime e con i muscoli scolpiti e dando spazio alle rotondità e alle forme procaci. A posare per il brand, in particolare, è stata Jill Megan Kortleve, la top model curvy che non ha avuto paura di rivelare pancetta e imperfezioni. Così facendo, è diventata il simbolo della bellezza femminile "al naturale".

I successi di Jill Kortleve

Jill Kortleve ha 25 anni, è nata ad Amsterdam, in Olanda, ed è diventata famosa grazie alle sue forme "normali". E' alta 175 cm, ha la pancetta e qualche imperfezione ma, nonostante ciò, è super richiesta nel fashion system e il motivo è molto semplice: è il simbolo della bellezza femminile reale. Quello per H&M non è stato il suo primo lavoro nel mondo della moda, ha già posato per il catalogo di lingerie di &Other Stories, è diventata il volto di Fenty Beauty e fa parte della campagna pubblicitaria per la collezione Primavera/Estate 2019 di Alexander McQueen. E' stata però la sua apparizione in "Swimwear Sweet Summer Escape", la campagna realizzata in Messico da Christian McDonald per la linea beachwear di H&M a renderla famosa, visto che è stata la prima volta che il marchio svedese ha dato spazio alle rotondità e alla bellezza naturale in una linea pensata per tutte le donne e non solo per le oversize. La curvy ha deciso di dire no a Photoshop, non avendo paura di mettere la pancetta in mostra e dicendo addio agli stereotipi di bellezza comunemente accettati. Così facendo, ha dimostrato che per essere splendide non bisogna essere necessariamente magrissime: la Kortleve conta quasi 56.000 followers e viene ormai un'icona di bellezza reale e naturale.

La rivoluzione di H&M e i nuovi stereotipi di bellezza

Il fashion system sta cambiando e, se un tempo era un campo riservato a pochi, che dava spazio solo a modelle con corpi magrissimi e marmorei, negli ultimi tempi è diventato molto più inclusivo. Il motivo? E' stato capito che quell'ideale di bellezza non rappresentava le donne comuni, quelle che passano le loro giornate a dividersi tra impegni familiari e lavorativi, quelle che non riescono a seguire diete rigorosissime senza fare qualche strappo alla regola, quelle che non hanno abbastanza tempo da dedicare alla palestra, ai trattamenti di bellezza e alla beauty routine. E' proprio per dare spazio a una bellezza comune e naturale che H&M ha preso una decisione non convenzionale: scegliere come volto della campagna beachwear una curvy, una modella dalle forme "normali" che non ha paura di rivelare le imperfezioni. Le oversize erano già apparse in degli shooting realizzati dal colosso svedese ma in quel caso sponsorizzavano delle collezioni pensate appositamente per le donne in carne, oggi invece non sono più "discriminate" e vengono considerate "normali". Insomma, è chiaro che il concetto di bellezza non è così rigoroso come siamo sempre stati abituati a pensare, è variegato e non esclude età, taglie o razze. L’olandese Jill Megan Kortleve non ha fatto altro che dare il volto a questa rivoluzione e, a giudicare dalla reazione positiva del pubblico, prossimamente saranno sempre di più i brand di fama internazionale che punteranno su scelte simili.