Festival di Cannes 2021
8 Luglio 2021
13:37

Jane Birkin raccontata dalla figlia Charlotte Gainsbourg: ritratto di una madre fragile e speciale

Charlotte Gainsbourg ha raccontato il rapporto profondo e a volte complicato con la madre Jane Birkin in un documentario presentato a Cannes: “Jane Par Charlotte”. Il film è una lunga lettera di amore e di perdono: non vediamo la diva degli anni Sessanta ma una madre con i suoi dubbi, i suoi fantasmi e le sue paure.
A cura di Beatrice Manca
Jane Birkin con la figlia Charlotte Gainsbourg
Jane Birkin con la figlia Charlotte Gainsbourg
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Cannes 2021

Su Jane Birkin – cantante, attrice e icona di stile – è stato detto e scritto praticamente tutto. Il fascino, lo stile, gli amori turbolenti, la liberazione sessuale degli anni Sessanta. Ma oggi un documentario ci regala uno sguardo nuovo sulla sua vita privata: la Jane Birkin madre, raccontata della figlia Charlotte Gainsbourg. Attrice e cantante a sua volta, Charlotte è nata nel 1970 dal grande amore con Serge Gainsbourg. A Cannes ha presentato Jane Par Charlotte, un documentario che è un dialogo tra le due donne, così diverse e in fondo così simili. I grandi amori, le dipendenze, i sensi di colpa: il film racconta il loro rapporto con grande delicatezza e profondità, lasciando spazio anche alle lacrime e agli abbracci di riconciliazione. Non più due dive, ma una madre e una figlia che si mettono a nudo e si dicono ciò che non si erano dette fino a quel momento. Sul red carpet sono arrivate insieme, abbracciate e sorridenti, in Saint Laurent.

Charlotte Gainsbourg e Jane Birkin a Cannes
Charlotte Gainsbourg e Jane Birkin a Cannes

Jane Birkin: "Ho paura di essere stata una madre infantile"

Il documentario parte da un "ritorno a casa": madre e figlia tornano insieme per la prima volta nell'appartamento di Serge Gainsbourg in rue Verneuil, dove tutto è rimasto come il giorno della sua morte. Ma anche la casa in Bretagna di Jane Birkin è piena di oggetti e di ricordi da cui non riesce a separarsi. Qui le due donne si aprono in una conversazione sincera: niente pose davanti all'obiettivo, niente trucco, niente copioni. Jane Birkin nel film si definisce "una madre infantile" e "non abbastanza responsabile". Parlando con la figlia si guarda indietro e si chiede – come tutte le madri – se ha fatto abbastanza o se avrebbe potuto fare le cose diversamente. Si parla anche delle dipendenze affrontate e superate da Jane Birkin: l'alcol e le pillole per dormire che prende da quando aveva 16 anni.

Charlotte Gainsbourg e Jane Birkin sul red carpet
Charlotte Gainsbourg e Jane Birkin sul red carpet

La storia d'amore tra Serge Gainsbourg e Jane Birkin

Quando Jane Birkin diede alla luce Charlotte era all'apice del successo: la bambina era la figlia del grande amore con Serge Gainsbourg. Insieme, furono una delle coppie più celebri del mondo dello spettacolo e diventarono il simbolo della rivoluzione sessuale di fine anni Sessanta. Il successo, i paparazzi e l'esposizione mediatica entrarono di prepotenza nella vita di Charlotte bambina. Jane Birkin era figlia d'arte a sua volta: figlia di un comandante di Marina e di una cantante di musical, esordì a Londra e si sposò a 19 anni. Ma è in Francia che sarebbe esplosa la sua fama: sul set del film Slogan, nel 1969, conobbe Serge Gainsbourg e il resto è storia. Chi non ricorda i gemiti di piacere di Je t'aime… moi non plus? Bellissima e con uno stile unico, legò per sempre il suo nome a uno dei simboli del lusso, la borsa Birkin di Hermès. Quella ragazza con la frangetta, gli occhioni da cerbiatta e il fisico snello diventò un'icona di stile copiatissima e citata ancora oggi. Ha avuto tre figlie dai suoi tre grandi amori: Kate, nata dal matrimonio con John Barry e morta prematuramente nel 2013, Lou, nata dalla relazione con Jacques Doillon e in mezzo Charlotte Gainsbourg.

Jane Birkin in bikini nel 1969
Jane Birkin in bikini nel 1969

Il film è una lettera di amore (e perdono) alla madre

Attrice e cantante a sua volta, è Charlotte oggi a offrire una nuova prospettiva sull'icona Jane Birkin: la studia e la racconta con lo sguardo di una figlia che non ha alcuna fretta di separarsi dalla madre. Apparentemente all'opposto su molte cose, eppure simili. I tabloid hanno speso fiumi di inchiostro sulle storie d'amore di Jane Birkin, mentre Charlotte sta con lo stesso uomo da decenni, in una relazione vissuta lontano dai riflettori. Tanto sensuale e sorridente la madre, quanto dark lady misteriosa la figlia. Quasi tutti gli adolescenti vogliono allontanarsi – almeno per una fase – dalle orme dei genitori: per Charlotte, figlia di due superstar, distinguersi diventò una necessità per non essere bullizzata a scuola. Ma oggi dedica alla madre parole piene di amore: il film è un modo per tornare bambina, protetta dall'abbraccio della mamma Jane: "Non capisco perché impariamo a vivere senza le nostre madri? – si chiede nel film – Io non voglio farlo". 

38 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni