A tutti piace avere capelli folti e lucenti, purtroppo però la caduta dei capelli sembra essere un problema comune a molti. Tra gli elementi che potrebbero aiutarci c'è lo iodio, il sale per intenderci: la combinazione iodio e crescita dei capelli sembrerebbe quella vincente. Si tratta infatti di un minerale importante per la nostra chioma e, una sua carenza, potrebbe essere una delle cause principali di perdita dei capelli. Scopriamo allora perché lo iodio è un nutriente essenziale per la crescita e la salute della nostra chioma e quali sono i suoi benefici.

Perché lo iodio è importante per la crescita dei capelli

La caduta dei capelli può essere dovuta e diversi fattori e, la carenza di iodio, può essere una di queste. Lo iodio, soprattutto se combinato ad altri minerali come ferro, zinco e magnesio, è uno degli elementi più utili per la salute dei capelli e per mantenerli sani e lucenti. Per contrastare la caduta dei capelli è quindi necessario soddisfare il bisogno di iodio richiesto dal nostro corpo: se l'organismo è carente di questo elemento, ciò può causare ipotiroidismo. Quando si verifica questa condizione, il metabolismo delle nostre cellule rallenta, ciò può non solo far perdere i capelli, ma anche le sopracciglia. Lo iodio è aggiunto sinteticamente al sale da cucina, in questa forma però non è ben assimilato dal nostro organismo: si può quindi verificare un sovraccarico di questo elemento che può influenzare negativamente la tiroide. Meglio quindi utilizzare il sale non iodato e assumere lo iodio attraverso il cibo: tra gli alimenti ricchi di questo nutriente ci sono salmone, frutti di mare, alghe, fagioli, aglio, patate e melassa.

Iodio: quali sono i vantaggi e i benefici per i capelli

In che modo lo iodio aiuta a ripristinare i capelli? Quali sono i vantaggi e i benefici per la nostra chioma? Lo iodio ha proprietà antibatteriche, anti-fungine e antivirali, aiuta quindi ad uccidere il fungo che mangia la fine dei follicoli piliferi, e contribuisce alla lotta contro tutte le infezioni che potrebbero svilupparsi intorno ai follicoli e provocare quindi la caduta dei capelli. In più, lo iodio rafforza i capelli dalla radice, facendoli crescere più velocemente e rendendoli più corposi e meno secchi, inoltre sembrerebbe rallentare la comparsa dei capelli grigi.

Come utilizzare lo iodio per favorire la crescita dei capelli

Se lo iodio fa così bene, basterebbe andare al mare per avere capelli più folti? In realtà non è così semplice: in caso di diradamento bisognerebbe utilizzare lo iodio bianco, che dovrà essere applicato sulle zone interessate dopo aver lavato e asciugato i capelli . Si tratta però di un'operazione da non eseguire con il fai da te. Prima è importante capire a cosa è dovuta la carenza di iodio nel nostro corpo, per questo è fondamentale rivolgersi al proprio medico o allo specialista, per capire se ci sono problemi alla tiroide. Bisognerà poi agire con una cura mirata, una dieta specifica e, nel caso, un supporto farmacologico.

In vendita è possibile trovare molti integratori di iodio, da utilizzare però solo dopo aver consultato il medico. E' importante infatti consumarne la giusta quantità per evitare eccessi che potrebbero essere pericolosi per la salute. L'eccessivo consumo di iodio, infatti, riduce il flusso di sangue e blocca la crescita della ghiandola tiroidea, potrebbe inoltre diventare tossico, se utilizzato spesso e per troppo tempo.