Jazz Jennings ha 16 anni e nel 2007, quando aveva solo 6 anni, ha dichiarato di essere transgender, diventando la persona più giovane a sentirsi "nata nel corpo sbagliato". E' diventata una celebrità grazie al reality "I am Jazz", dove raccontava cosa voleva dire convivere ogni giorno con il suo disagio, e già da allora dichiarava che il più grande sogno era una bambola che rispecchiasse la sua storia. Oggi, finalmente quel desiderio si è trasformato in realtà.

La Tonner Doll, un'azienda specializzata in giochi da collezione, presenterà la prima bambola trans a lei ispirata alla fiera del giocattolo di New York. Sarà alta 45 cm, non avrà attributi sessuali e incarnerà le eroine di oggi, che riescono a diventare simbolo di intelligenza, coraggio e cambiamenti sociali grazie alle loro storie. Dopo le Barbie curvy lanciate lo scorso anno sul mercato da Mattel, si raggiunge un ennesimo traguardo, capace di dare spazio alla diversità anche nel mondo dei giochi e di rispecchiare una società sempre più complessa. E' evidente, dunque, che il mondo perfetto di Barbie, la donna bionda e impeccabile dal corpo statuario, è ormai superato e che l'ideale di bellezza si sta evolvendo.

Secondo molti, la bambola ispirata a Jazz Jennings potrebbe trasformarsi in un giocattolo dal profondo significato politico. Il suo scopo è riuscire a diffondere un messaggio di inclusione ma non è certo che il nuovo Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, contrario ai provvedimenti messi in atto da Obama per i diritti delle persone transgender, sia pronto a difendere un concetto simile.