17 Ottobre 2021
10:17

Il profondo legame tra sorelle: un sentimento innato che esiste in ognuna di noi

Il legame tra sorelle è uno dei meno indagati eppure è un sentimento primordiale, che vivono e sentono anche le donne che hanno solo fratelli o sono figlie uniche. Con la psicanalista Laura Pigozzi abbiamo cercato di capire qualcosa di più di questo rapporto e di come influenzi anche il movimento femminista.
Intervista a Dott.ssa Laura Pigozzi
Psicoanalista
A cura di Francesca Parlato

Chi è la sorella? L'altro da sé, lo specchio, quella conosce tutto di noi. È anche il legame più forte e intimo che costruiremo con un'altra donna. Rappresenta un nostro limite, fa da argine al narcisismo, è quella che mette un freno al nostro sentirci uniche, ma allo stesso tempo è un indispensabile medium per imparare a far convivere differenza e uguaglianza in ognuna di noi. Nonostante la sua importanza il legame tra sorelle è uno dei più misteriosi e meno indagati. "Nell'ambito della psicoanalisi ci si è molto concentrati sul rapporto con la madre e il padre, sui rapporti verticali. E ci siamo dimenticati di quelli orizzontali, in particolare tra quelli tra sorelle perché si è sempre pensato che derivassero e che fossero mediati dai rapporti con la madre, senza pensare che avesse qualcosa di autonomo, di strutturale e originario" ha spiegato a Fanpage.it Laura Pigozzi, psicanalista e autrice di diversi saggi sui legami familiari, l'ultimo "Sorelle" (Rizzoli).

"Ti mancherei anche se non esistessi"

Quello tra sorelle è un legame che potremmo definire primordiale, un sentimento (la sorellanza) che esiste anche nelle figlie uniche. "Molte figlie uniche nei loro sogni hanno una sorella che in genere se la cava sempre un po' meglio. C'è un desiderio inconscio della sorellanza anche in chi non ha sorelle e in chi sembra non conoscere questo legame – chiarisce Pigozzi – Una volta una domenica a pranzo, la figlia minore del mio compagno mentre battibeccava con la sorella le ha detto ‘Ti mancherei anche se non esistessi'. È una frase verità, pronunciata d'istinto che ci fa capire che esiste in tutti noi questo bisogno di avere un'altra che sia uguale e diversa rispetto a noi e che non può essere una madre". E quando la sorella non c'è infatti la si cerca. "Le figlie uniche cercano un'amica, una cugina, che diventi una sorella per loro. Sicuramente la società gioca un ruolo importante in questo bisogno, ma il desiderio dell'altro è innato, esiste dentro di noi". Quello con una sorella è forse il legame più duraturo che possiamo instaurare. "I genitori a un certo punto possono scomparire, la sorella è quella che ti conosce fin da bambina, che sa tutti di te, conosce cose che a una madre non si direbbero mai. Risponde a un bisogno primario". 

La sorella e la scoperta della femminilità

La sorella è anche il rapporto più lungo che si possa costruire con l'altro femminile, con cui sperimentare cosa vuol dire essere donna in una situazione di assoluta parità. "La sorella è quella con cui cimentarsi sugli esercizi di femminilità. La femminilità non si eredita, non si passa da madre a figlia, anzi spesso le figlie rimproverano le madri di non aver passato questo segreto – spiega l'esperta – Ma è un segreto intrasmissibile. Nel rapporto tra madre e figlia c'è sempre in fondo questa recriminazione, anche non detta, un'accusa al fatto che la madre non abbia preparato la figlia a essere donna". La sorella è invece colei che permette un'interrogazione su di sé e sulla propria femminilità. "Da lei non ci si aspetta un insegnamento, ma è con lei che ci si può misurare, testare. Ci si prova insieme, ci si confronta insieme. La femminilità è un mistero per tutte le donne nessuna è mai certa di essere donna nel modo giusto". 

La forza del legame tra sorelle

Di solito sentiamo certi tipi di storie riguardo ai gemelli, ma in realtà possono avvenire anche tra sorelle. "Può accadere che due sorelle si rompano una caviglia nello stesso momento o che facciano scelte di vita simile, come mandare all'aria una relazione nello stesso periodo, anche senza aver avuto alcun tipo di confronto. Quando due sorelle sono molto unite, si vogliono bene, anche se sono distanti o se hanno litigato, può succedere che accadano loro cose molto simili. Si tratta di corrispondenze inconsce, che fanno parte dello psichismo profondo di ciascuno di noi, che affondano le radici nell'infanzia e ci dice quanto siano unite queste donne nonostante per qualche motivo della vita si siano separate. È una sorta di nucleo gemellare". 

La sorellanza politica

Il legame tra sorelle si riflette anche nel legame che costruiamo con altre donne, è una sorta di premessa a tutto quello che costruiremo con le altre nella nostra vita. "È importante guardare questo legame dall'interno perché è il terreno su cui germoglierà la capacità di strutturare legami con amiche, colleghe, compagne. con tutta la rete femminile". Per costruire un'alleanza tra sorelle, per la nuova ondata di femminismo che stiamo vivendo in questo momento, avere una visione chiara di cosa voglia dire sorellanza, diventa essenziale, soprattutto per spogliarci dai legami verticali, di tipo materno che si costruiscono molto spesso all'interno dei movimenti politici. "Quello che si cerca di proporre oggi, anche se in maniera forse un po' ambiziosa – continua Pigozzi – È una nuova forma di femminismo che si basi non tanto sul legame madre – figlia, che è sempre un legame squilibrato, un rapporto verticale e soprattutto non tra pari, ma su quello tra sorelle. Nei collettivi e nei movimenti che ho frequentato il legame principale purtroppo era spesso di questo tipo. C'è una sorta di passaggio di testimone, una donna di riferimento e questi legami sembrano spesso prendere il sopravvento anche sulla sorellanza". Prendere consapevolezza della differenza tra questo tipo di rapporti è il primo passo per potenziare il legame tra sorelle e per evitare di cadere nella dipendenza. "Siamo una società in cui la dipendenza è il marchio più forte e più evidente. La dipendenza invece potrebbe non esistere nel rapporto tra sorelle perché fondato su un'alleanza ad armi pari. Nel rapporto madre figlia è invece necessario a un certo punto il conflitto per rinnegare la madre. E questo avviene anche nei movimenti politici, dove per questo motivo avvengono di frequente delle scissioni. Per questo auspico un femminismo che tenga alto il valore della sorellanza". 

Le informazioni fornite su www.fanpage.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.
Gli incubi possono essere "disattivati": esiste un gene che controlla il sonno profondo
Gli incubi possono essere "disattivati": esiste un gene che controlla il sonno profondo
L'amicizia tra donne esiste ed è capace di resistere agli anni e alla distanza
L'amicizia tra donne esiste ed è capace di resistere agli anni e alla distanza
Madri tossiche: come capire se il legame mamma-figlio è disfunzionale
Madri tossiche: come capire se il legame mamma-figlio è disfunzionale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni