Chiara Ferragni è ormai famosa in tutto il mondo e con i suoi quasi 16 milioni di followers è una delle influencer più seguite e ammirate sia in Italia che all'estero. Indossa solo abiti e gioielli griffati e spesso è stata presa di mira sui social perché secondo alcuni utenti avrebbe ostentato la sua ricchezza. La verità, però, è che, nonostante il successo e il conto in banca da capogiro, continua a essere una ragazza "normale", sul cui conto vengono montati dei "casi" per dare vita a presunti scandali. Un esempio? La storia del fan che avrebbe sborsato 5.700 euro per prendere un caffè con lei.

Chiara Ferragni ha partecipato a un'asta benefica

Chiara Ferragni è finita spesso al centro di alcuni scandali a causa della presunta ostentazione della sua ricchezza ma spesso si tratta solo di piccoli fraintendimenti. Prima ancora che l'acqua Evian decorata con il logo del suo brand indignasse il pubblico del web a causa del suo prezzo elevatissimo, la fashion influencer era già stata presa di mira per un motivo simile nel 2017, per la precisione quando si era parlato del fan che aveva pagato 5.700 euro per prendere un caffè con lei. Oggi, questa storia è tornata alla ribalta, nonostante risalga a quasi 2 anni da fa, e sono moltissimi quelli che non hanno perso occasione di puntare il dito contro la fashion influencer, accusandola di essere disposta a tutto pur di guadagnare. La verità, però, è ben diversa, si trattava di un'iniziativa di beneficenza senza scopo di lucro lanciata da Charitystars, che all'epoca aveva organizzato un'asta per aggiudicarsi un caffè con la Ferragni. L'utente che lo aveva vinto si chiamava Poulsenjr e si era aggiudicato il "trofeo" dopo ben 103 offerte. A chi è andato il ricavato? Non a Chiara come in molti hanno pensato ma all’associazione “White Matilda”, che ancora oggi si occupa di combattere la violenza sulle donne. Insomma, la Ferragni non avrebbe ricavato assolutamente nulla da questa iniziativa in termini economici, è arrivata dunque l'ora di smetterla con le accuse infondate.