La Festa della Donna è la ricorrenza che celebra il sesso femminile e i numerosi successi raggiunti nel corso della storia, peccato solo che oggi in pochissime sentano realmente lo spirito di questa giornata speciale. Secondo un sondaggio condotto online dal sito Coldiretti, quest’anno il 73% delle donne non festeggerà affatto, un altro 14% passerà la giornata in compagnia delle amiche, magari alle terme o in una spa, ed il restante 13% si concederà una serata con il partner.

Gli impegni lavorativi, la crisi economica, ma soprattutto la volontà di sottrarsi ai luoghi comuni e la certezza del fatto che nella cultura odierna non è stato ancora sconfitto il sessismo sono solo alcune delle cause che spingono il sesso femminile a non festeggiare l’8 marzo. Per sentirsi donna e per ricordare i traguardi raggiunti storicamente non basta ricevere delle mimose in un giorno dell’anno, serve ben altro e la strada verso completa parità tra i sessi sembra essere ancora lontana.

Nonostante ciò, il sondaggio Coldiretti ha dimostrato che sono moltissimi i successi raggiunti dalle donne negli ultimi anni: 215mila aziende agricole sono guidate dal sesso femminile e solo nel 2015 sono aumentate del 76% le italiane under 34 che hanno deciso di lavorare come imprenditrici nel settore primario. Le donne hanno dimostrato di essere sempre in prima linea quando si parla di educazione alimentate ed ambientale, organizzando le attività più svariate nelle scuole o nelle fattorie didattiche e valorizzando i prodotti tipici e la biodiversità. E' proprio per questo che l'azienda Coldiretti continuerà a battersi per riconoscere lo status professionale, sociale ed imprenditoriale delle donne nell'attività agricola.