Appena aprite i mobili, gli armadi e i cassetti venite travolti da un insopportabile odore di muffa? Niente paura, è possibile rimuoverlo senza ricorrere ai prodotti chimici venduti nei supermercati. Esistono diversi rimedi naturali che permettono di eliminare la puzza di muffa dai mobili lasciati negli ambienti umidi della casa. Dopo aver scoperto come eliminare questo fastidioso fungo dai muri, è arrivato il momento di passare ai mobili. Scopriamo cosa bisogna fare per dire addio al cattivo odore.

Sapone di Marsiglia – La prima cosa che bisogna fare per rendere i cassetti profumati è eliminare la muffa che si è venuta a formare al loro interno. Si può provare ad utilizzare del sapone di Marsiglia, che dovrà essere strofinato sulla superficie da trattare con dell’acqua. E’ importante indossare sempre guanti e mascherina poiché la muffa è tossica.

Esporli all’aria – Il rimedio naturale più efficace per rimuovere la muffa da mobili e cassetti è spostarli all’aria aperta. I raggi del sole uccidono germi e batteri, così da facilitare l’eliminazione della muffa. Si possono ricoprire con una mano di vernice trasparente per contrastarne la ricomparsa.

Fondi di caffè – Se si vuole eliminare l’odore della muffa dai cassetti, è possibile utilizzare fondi di caffè o di carbone. Dovranno essere sostituiti periodicamente fino a quando la puzza non sarà andata via.

Bicarbonato di sodio o argilla naturale – In alternativa, per eliminare il cattivo odore della muffa, si possono utilizzare anche bicarbonato di sodio o argilla naturale. In sole 24 ore, faranno effetto e la puzza di muffa sarà solo un lontano ricordo.

Aceto – Per contrastare il cattivo odore e la ricomparsa della muffa, si può preparare una soluzione con 50 ml di aceto bianco, 50 ml di olio di lino, 15 gocce di olio essenziale di cedro e 15 gocce di olio essenziale di canfora. Il composto dovrà essere applicato sulle superfici “infettate” con un panno asciutto.

Carta di giornale – Anche la carta di giornale aiuta ad eliminare la muffa dagli armadi. Devono essere completamente ricoperti per 2 o 3 giorni. Una volta rimossi, si dovrà lavare il tutto con acqua e candeggina, lasciano poi ad asciugare all’aria aperta.