Hilary Duff è diventata mamma  per la seconda volta lo scorso autunno e, dopo aver documentato la gravidanza sui social, oggi non può fare a meno di mostrare ai followers le dolcissime immagini della figlia Banks Violet Bair, nata dalla relazione con Matthew Koma. Negli ultimi 6 mesi ha sempre allattato al seno la piccola ma purtroppo di recente è stata costretta a smettere perché la cosa stava diventando un tantino troppo complicata, il motivo? Il lavoro non le lascia abbastanza tempo.

Il motivo per cui Hilary Duff non allatta più la figlia

Hilary Duff ha 31 anni ed è mamma di due bambini, l'ultima avuta 6 mesi fa dal compagno Matthew Koma. Nel corso della gravidanza ha sempre documentato i followers sulle emozioni provate, mettendo in mostra il pancione e rivelando con sincerità i piccoli fastidi a cui vanno incontro le donne durante la dolce attesa, e anche oggi continua ad avere un rapporto diretto con i fan. Di recente ha spiegato di aver smesso di allattare al seno la sua piccola perché, a causa dei troppi impegni lavorativi, stava diventando complicato.

THIS ONE’S FOR THE LADIES Just a few thoughts that I wanted to share on Breast-feeding. Last week was my last week nursing Banks (my six month old) I am a working mom of two. My goal was to get my little girl to six months and then decide if I (and her of course) wanted to keep going. Let me tell you. Pumping at work sucks. I had zero down time and am usually pumping in a hair and make up trailer while four hands work to get me ready for the next scene with lots of other people around. Even if I had the luxury to be in my own room, it’s not even considered a “break” because you have to sit upright for the milk to flow into the bottles! Plus you are having your damn nipples tugged at by an aggressive machine that makes an annoying sound, that echoes through your head day and night (I swear that machine and I had many conversations at midnight and 3 am)! Ttttthen having to find someplace to sterilize bottles and keep your milk cold (ok I’m done with that rant lol)! Anyway, I didn’t know this because with Luca I didn’t work until he was about nine months old, so I didn’t pump very often. Your milk supply drastically drops when you stop feeding as often and lose the actual contact and connection with your baby (😞). So I was eating all the feunugreek goats butt blessed thistle fennel cookies/drops/shakes/pills I could get my hands on! It was maddening. (Does fenugreek make anyone else smell like maple syrup and rubber gloves?…not chill) With all of this complaining, I want to say I enjoyed (almost) every moment of feeding my daughter. Felt so lucky to be so close to her and give her that start. I know many women are not able to and for that I am sympathetic and very grateful that I could. For six wonderful months. But I needed a break. I was going to break. With the stress of a dropping milk supply and a baby that was getting bored or not caring about nursing when I was available to. I was sad and frustrated and feeling like a failure all of the time. When really I’m a bad ass rock star. Moms get high on feeling like superwoman…because we are! Doing too much, because we can! KEEP READING in the comments below 👇🏼♥️

A post shared by Hilary Duff (@hilaryduff) on

La Duff è alle prese con il suo show televisivo, "Younger", e nelle ultime settimana si è ritrovata a nutrire la figlia ogni volta che aveva un secondo libero sul set ma a lungo andare è davvero diventato troppo difficile. La star ha infatti parlato a cuore aperto dicendo:

Sono una mamma lavoratrice di due bambini. Il mio obiettivo era quello di allattare per i primi sei mesi e poi decidere come procedere. Lasciate che vi dica che tirare il latte quando si è a lavoro fa schifo. Non avevo mai tempi morti e di solito usavo il tiralatte mentre mi pettinavano e truccavo per prepararmi alla scena successiva, avevo molta gente intorno. Anche quando potevo prendermi il lusso di stare nella mia stanza, non mi sentivo mai in pausa perché dovevo stare seduta dritta per far scorrere il latte nelle bottiglie! In più in quel momento hai i tuoi dannati capezzoli tirati da una macchina aggressiva che produce un suono fastidioso, che riecheggia nella tua testa giorno e notte! E vogliamo parlare dello stress di dover trovare un posto per sterilizzare le bottiglie e mantenere il latte al fresco?

Nonostante ciò, non ha perso occasione di celebrare l'allattamento al seno, sentendosi fortunata per aver avuto la possibilità di vivere questa esperienza, visto che è un gesto naturale che fortifica il rapporto con il bimbo. Il motivo per cui ha dovuto rinunciarci? Come da lei stessa dichiarato, ha dovuto prendersi una pausa perché stava per crollare. Quante sono le mamme lavoratrici che non possono fare a meno di condividere questa scelta?