Gucci è una delle Maison fashion che hanno maggiormente a cuore la questione ambientale. Come tutti i grandi nomi della moda che fanno parte del gruppo Kering, anche il marchio fiorentino ha intenzione di rivoluzionare il settore, mettendo in atto progetti e iniziative che lo rendano più etico e sostenibile. Dopo aver detto addio alle pellicce qualche anno fa, ora ha fatto un ulteriore passo avanti in tema di eco-sostenibilità: ha pubblicato il bilancio ambientale 2019, aprendo anche l'account Instagram Gucci Equilibrium. Di cosa si tratta? Di un portale ideato per la prima volta nel 2018, utile a presentare le iniziative sociali e green della griffe.

Gucci, il bilancio ambientale 2019

Gucci ha pubblicato il bilancio ambientale del 2019 e i risultati sono stati impressionanti: rispetto al 2015, momento in cui è stata messa in atto una strategia decennale per la sostenibilità, nell'ultimo anno l'impatto complessivo è stato ridotto del 21% con il 18% di emissioni in meno. Tra materie prime riciclate, fibre biologiche, metalli preziosi provenienti da fonti responsabili e oro etico, la Maison è dunque in anticipo sulla tabella di marcia. Entro la fine del 2020, si prevede il passaggio totale a energie rinnovabili per uffici, negozi, magazzini e stabilimenti. I dati possono essere consultati da tutti su un sito dedicato, mentre sull'app Gucci su circa 400 prodotti sono state aggiunte delle icone che illustrano le caratteristiche di sostenibilità.

La Maison contro il razzismo

La Maison fiorentina sta facendo passi da gigante in tema di sostenibilità, tanto che intende diventare una fonte d'ispirazione per il settore lusso. Ha lanciato il portale social Gucci Equilibrium proprio per documentare in tempo reale tutte le iniziative green lanciate, l'ultima? La Changemakers, il cui obiettivo è dare maggiore forza all'impatto sociale del brand, approfondendo i rapporti con le comunità locali del Nord America, soprattutto in seguito alle accuse di blackface ricevute a causa di un maglione della collezione Autunno/Inverno 2018-19. A tal proposito Marco Bizzarri, presidente e CEO della Maison, ha dichiarato: "L’azione di Gucci è guidata da tematiche che costituiscono le fondamenta del nostro futuro collettivo e che lo influenzano profondamente. È fondamentale costruire un futuro in cui l'ingiustizia e la discriminazione in tutte le loro forme non possano prevalere". In un momento storico come questo, dove le rivolte contro il razzismo sono all'ordine del giorno, l'iniziativa risulta essere super attuale. La speranza del brand è riuscire ad assumere un ruolo positivo nella comunità, diventando promotore di cambiamento e di rivoluzione.