Sfatiamo il mito che uno spuntino fuori pasto rovini la linea: tutto dipende da che snack scegliamo. Durante una giornata di lavoro frenetica è normale avere delle tentazioni e degli attacchi di fame improvvisa. Se ci concediamo uno snack salutare la linea non ne risentirà, anzi, e il metabolismo viene stimolato e mantenuto attivo. Attenzione alla quantità: se si esagera si rischia di rallentare il processo digestivo causando una sensazione di pesantezza.

Lo snack ideale è a base di frutta secca, che contiene potassio, ferro, calcio ed è anche fonte di energia grazie alle vitamine e alle fibre contenute al suo interno. Ovviamente è da evitare quella glassata o ricoperta di cioccolato, oppure quella salata in superficie: perfette sono le noci, le mandorle o le albicocche disidratate. Se preferisci la frutta fresca puoi scegliere l'uva, lo snack preferito da Victoria Beckham.

Il frappè è un'alternativa alla frutta secca: fresco, leggero e ricco di vitamine. Invece del latte intero scegli il latte di soia, meno calorico, e aggiungi qualche cubetto di ghiaccio per rendere il frullato più fresco e abbassare l'apporto calorico. Puoi scegliere frutti come la pesca, le fragole, il pompelmo, l'ananas o il melone. Oltre ad aumentare il senso di sazietà, sono anche degli ottimi depuratori.

Se preferisci uno snack salato puoi concederti ad esempio 5 olive, oppure un toast con petto di tacchino o ancora carote o sedano accompagnati da formaggio spalmabile light o fiocchi di latte. E' meglio evitare le merendine e gli snack offerte dai distributori automatici, spesso ricche di grassi idrogenati, e le bevande zuccherate.