Si è ufficialmente ritirata dalle passerelle ma Gisele Bündchen in pochi secondi è riuscita a brillare calcando il prato dello stadio Maracanã e facendo in un solo istante tornare alla mente i suoi fasti come modella sul catwalk. Quella di Rio, poi, senza dubbio è stata la passerella più lunga mai calcata durante la sua lunga carriera: con la sua falcata sensuale e il volto emozionato Gisele ha calcato un catwalk di ben 128 metri.

L'abito di Gisele, una creazione dello stilista Alexandre Herchcovitch

La top model brasiliana durante la cerimonia d'apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 – sulle note di "The Girl From Ipanema" – ha sfilato dinanzi a 78mila spettatori seduti sugli spalti dello stadio brasiliano e a miliardi di persone che hanno guardato il defilè in tv collegati da tutti i paesi del mondo. Durante la cerimonia inaugurale, in uno stadio buio è apparsa una stella luminosa con il corpo fasciato da un lungo abito che sembrava un diamante brillante, una creazione dello stilista brasiliano Alexandre Herchcovitch, celebre per aver sfilato con il marchio omonimo alla Settimana della Moda di San Paolo, ora direttore creativo del brand À La Garçonne.

Doppio abito la Bündchen alle Olimpiadi 2016

In una recente intervista a Vogue.com il designer ha raccontato come è stato creato l'abito per Gisele Bündchen che lo scorso 5 agosto ha incantato il mondo intero. Lo stilista è stato contattato da Claudia Kopke, responsabile della cerimonia d'apertura delle Olimpiadi 2016, che gli ha chiesto di disegnare e realizzare l'abito che avrebbe reso indimenticabile il defilè di Gisele Bündchen. Herchcovitch ha ovviamente accettato immediatamente l'incarico ed ha buttato giù due bozzetti: un primo abito lungo ricoperto di paillettes dorate, per la sfilata iniziale, e un modello corto, una versione casual del primo abito, che Gisele ha indossato per la seconda fase della cerimonia d'apertura, quando si è scatenata sugli spalti danzando tra il pubblico.

Una volta approvato il progetto iniziale Gisele è stata coinvolta in tutte le fasi della creazioni, apportando le proprie modifiche. Alexandre Herchcovitch ha affermato:

Gisele è sempre stata presente durante il processo creativo, abbiamo progettato insieme le diverse parti dell'abito. Inoltre aa apportato importanti modifiche al bozzetto iniziale. Gran parte del mio lavoro è proprio quello di ascoltare e portare su carta le richieste della donna che indosserà il mio abito in modo da renderla felice e soddisfatta.

Quattro mesi per completare l'abito d'oro di Gisele

Ci sono voluti ben 4 mesi per arrivare all'abito finale: un vestito wrap, con maniche lunghe e profondo scollo a V che accompagna ed esalta il decolleté. Sulla parte centrale del modello un drappeggio del tessuto che crea una serie di arricciature perfette per dare movimento all'abito. La gonna lunga, con strascico, aperta sul davanti da un profondo spacco centrale che lascia completamente nude le lunghe gambe della splendida Giselle.

Energia indescritível! #eternamentegrata #forevergrateful 🙏🏼

A post shared by Gisele Bündchen (@gisele) on

A rendere unico l'abito di Gisele un tessuto in seta ricoperto da migliaia di paillettes dorate. Lo stilista però non ha scelto un classico color oro, come rivelato nell'intervista a Vogue.com ha voluto una tonalità a metà strada tra l'oro e l'argento che ricordasse il colore dei capelli di Gisele. Il ricamo di paillettes a doppia faccia è poi stato realizzato in orizzontale in modo da creare un effetto ancor più luminoso.

Le luci dello stadio Maracanã posizionate sul corpo di Gisele in modo da creare uno spettacolare effetto luminoso con l'abito cangiante che sembrava vivere di vita propria mentre la top model percorreva il suo percorso sui tacchi a spillo. A completare il look per le Olimpiadi 2016 un paio di sandali dorati dalle linee semplici ed essenziali ai piedi, sulle spalle la lunga chioma fluente lasciata sciolta, morbida e naturale. L'effetto finale era accecante, l'abito essenziale ma vistoso, sensuale ma elegante, perfetto per far risplendere come una stella Gisele Bündchen, splendida madrina della cerimonia d'apertura dei Giochi Olimpici 2016 di Rio de Janerio.