Buchi alle orecchie e piercing sono di gran moda tra i giovani e non solo. Di solito non causano problemi, soprattutto se ce ne prendiamo cura subito dopo la foratura. Può però capitare, anche dopo un po' di tempo, di provare uno strano prurito o che fuoriesca un odore sgradevole nella zona in cui si trovano orecchini o piercing. La situazione può causare disagio e preoccupazione, perché sorge all'improvviso. Le cause possono essere diverse, anche se di solito bastano semplici rimedi per riportare tutto alla normalità. Scopriamo allora cosa fare quando i fori delle orecchie e i piercing prudono o emanano un cattivo odore, e i consigli per prendersi del post foratura ed evitare infezioni.

Fori alle orecchie e piercing: quali sono le cause di prurito e cattivo odore

Questa situazione può avere diverse cause: se abbiamo gli orecchini o i piercing da tanto tempo, potrebbe trattarsi di una reazione al materiale con cui sono realizzati. Alcune persone, infatti, sono particolarmente sensibili ad alcune sostanze o metalli, ad esempio il nichel, che possono causare bruciore, rossore e prurito. Per questo motivo è consigliabile scegliere oggetti in materiali ipoallergenici o in acciaio inossidabile. A scatenare prurito e cattivo odore dai fori di orecchini e piercing, possono essere anche le cellule morte e il sebo prodotto dalla pelle che si uniscono e attaccano il foro.

Rimedi naturali contro prurito e infezioni

Uno dei rimedi più semplici ed efficaci è l'acqua calda: togliete gli orecchini o il piercing e fate scorrere attraverso i fori l'acqua calda, magari utilizzando un sapone disinfettante e antibatterico, così da eliminare anche le cellule morte. In caso di prurito e cattivo odore, o se è in corso una piccola infezione, lavate la zona con acqua e sale: mettete in 230 ml di acqua distillata, 1/2 cucchiaino di sale fino, e applicate sulla zona da trattare con una garza di cotone. Tamponate la parte infetta e poi asciugate con cura utilizzando un panno di cotone pulito.

Se il foro dei vostri orecchini o del piercing è nuovo, arrossamento e prurito iniziale sono normali, in quanto la zona è in via di guarigione, ci sono però delle precauzioni da seguire nel post-foratura. I piercing vanno puliti per diverse settimane dopo la realizzazione, utilizzando 2-3 volte al giorno una soluzione di acqua e sale. Se la zona interessata si gonfia e si forma un anello rosso, allora si tratta di un'infezione, sarà quindi il caso di trattare il foro con molta attenzione: non toccate la zona con le mani sporche, evitate di grattarvi e dormite su federe e lenzuola pulite. Accertatevi poi che l'orecchino di adatti al foro in modo corretto: se è troppo stretto può irritare la zona. Pulite la parte interessata, una volta al giorno, con acqua calda e sapone liquido neutro, evitando agenti aggressivi come alcol e perossido di idrogeno. Disinfettate orecchini e piercing prima di rimetterli: immergeteli per alcuni minuti in acqua calda e sapone antibatterico e asciugate con una garza. In caso di pus, prurito eccessivo e dolore forte, potrebbe essere in corso un'infezione: in quel caso rivolgetevi subito al medico che potrebbe consigliarvi un prodotto antibiotico da applicare sulla zona da utilizzare fino alla completa guarigione.

Consigli per prendersi cura del post foratura

Per evitare problemi post foratura, è importante seguire dei semplici consigli. Fondamentale non rimuovere gli orecchini temporanei fino alla completa guarigione. Per i piercing vengono utilizzati degli orecchini specifici realizzati in materiale ipoallergenico: toglierli prima del tempo potrebbe causare la chiusura del foro, oppure potrebbe non guarire in modo completo. Se avete bucato i lobi, potete rimuovere gli orecchini temporanei dopo 6 settimane, mentre i piercing non possono essere rimossi prima di 8 settimane. Un altro importante consiglio è di non toccarsi spesso le orecchie: ciò potrebbe aumentare il rischio infezioni. Toccatele solo per pulire e disinfettare la zona e lavate le mani con sapone antibatterico, prima di cominciare. Fate attenzione agli oggetti che possono impigliarsi negli orecchini: ad esempio collare, sciarpe, cappelli e, in caso di fori alle orecchie evitate l'uso delle cuffie nel primo periodo, perchè potrebbero causare una eccessiva pressione. Tenete i buchi al riparo dallo shampoo o altri prodotti per capelli: potrebbero contenere agenti aggressivi che possono causare irritazioni. Durante la doccia applicate dei piccoli sacchetti di plastica per proteggere le orecchie. Cercate poi di dormire in posizione supina, evitando di stare sul fianco: le orecchie, appoggiate sul cuscino, potrebbero irritare i fori causando dolore, e dormite sempre su federe pulite.