L'erisimo (Sisymbrium officinale), conosciuto anche come "erba dei cantanti", è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Brassicaceae, conosciuta per le sue proprietà antinfiammatorie e antisettiche utili per l'apparato respiratorio. Si tratta di un rimedio conosciuto da molto tempo, da quando attori e oratori si esibivano negli anfiteatri: aiuta infatti a prevenire le infiammazioni e le irritazioni della gola, e ne favorisce la guarigione. Oltre ad essere un rimedio utile per chi utilizza la voce per mestiere: cantanti, insegnanti, attori, si rivela un toccasana per tutte quelle persone che cercano un rimedio invernale veloce ed efficace, per affrontare al meglio i malanni di stagione. Ma scopriamo di più sulle proprietà dell'erisimo e come utilizzarlo.

Proprietà  dell'erisimo

L'erisimo svolge quindi un'azione antinfiammatoria e antisettica sulle vie respiratorie, ed è consigliato soprattutto in caso di mal di gola, raucedine e afonia, dovuta a tracheite, laringite o faringite. Questa pianta, infatti, contiene mucillagini e composti solforati che gli conferiscono un potere fluidificante ed espettorante, che aiuta a liberare i bronchi dal muco in eccesso: ottima quindi anche in caso di catarro in gola o nei seni nasali, perché ne favorisce l'eliminazione. L'erisimo è anche un ottimo rimedio contro la tosse, sia grassa che secca, ed è benefico per i fumatori: aiuta a combattere secchezza e infiammazione delle mucose, provocata dal fumo.

Come utilizzare l'erisimo

L'erisimo viene utilizzato in fitoterapia sotto forma di infusi, decotti o tintura madre. Potete trovarlo in vendita nelle erboristerie, sia come erba sfusa, per le tisane, che sotto forma di preparazioni pronte, da utilizzare dopo consulto medico. Per prevenire le infiammazioni dell'apparato respiratorio, potete preparare una tisana di erisimo: mettete 1 cucchiaio raso di parti aeree della pianta in una tazza di acqua bollente. Coprite e lasciate in infusione per 10 minuti. Fitrate, dolcificate con il miele e bevete ben calda. In caso di gola molto infiammata o di afonia, è consigliabile utilizzare la tintura madre, perché il principio attivo è presente in modo maggiore: la dose può variare da 30-40 gocce per 2-3 volte al giorno dilite in poca acqua, ma per le dosi precise, meglio rivolgersi all'erborista. Il decotto di erisimo è ottimo sia come prevenzione che nella fase acuta del mal di gola, in quanto svolge un'azione protettiva dalle irritazioni.

Controindicazioni

L'erisimo è controindicato in caso di allergia alle Cruciferae, ma anche in caso di ipersensibilità verso uno o più componenti e se sono presenti lesioni o allergie della pelle. Un uso prolungato dell'erisimo è sconsigliato alle persone che soffrono di ipotiroidismo. Consultate il medico anche se assumete farmaci e se soffrite di qualche patologia.