L'avocado è uno dei frutti più amati degli ultimi tempi, è cremoso, gustoso, nutriente e si adatta a ogni tipo di piatto. Anche se sono moltissimi quelli che ormai lo usano regolarmente in cucina, non tutti sanno che deve essere lavato in maniera accurata prima di essere utilizzato per rendere più deliziose determinate ricette. Il rischio a cui si fa incontro quando non lo si fa? I cibi consumati potrebbero essere contaminati dai batteri.

Cosa fare prima di mangiare un avocado?

Secondo un rapporto della Food and Drug Administration, l'ente governativo americano che si occupa di regolamentare prodotti alimentari e farmaceutici, l'avocado deve essere lavato in modo accurato prima di essere consumato. Il motivo è molto semplice, la sua buccia è piena di sporcizia e batteri, che in alcuni casi vanno a contaminare anche la polpa, soprattutto quando quest'ultima viene mangiata senza aver prima sciacquato la parte esterna del frutto. Tra i germi più pericolosi ci sarebbero i Listeria monocytogenes e la salmonella, presenti sulle bucce un avocado su 5, capaci di avere effetti drammatici sulla salute. A favorire la proliferazione dei batteri sarebbe il numero elevato di persone che tocca a mani nude questi frutti per verificare se sono abbastanza maturi. Per evitare di correre inutili rischi è dunque necessario lavare bene l'avocado, togliere tutta la buccia e poi consumarlo. Una volta aperto, inoltre, deve essere consumato il prima possibile e conservato molto bene. A questo punto, ci si potrà sbizzarrire in cucina con le più svariate ricette a base di questo frutto esotico amatissimo anche dalla principessa Meghan Markle.