Ci siamo spesso occupati di diete miracolose. Sono molto varie le promesse che queste comportano, conservare una linea perfetta è un obiettivo marginale a fronte delle garanzie di lunga vita e guarigioni – anche dal cancro – che molti siti propinano senza fornire alcuna fonte a sostegno. Uno dei cavalli di battaglia è senza dubbio la promessa di far sparire le mestruazioni. Peccato che non sia un segno di salute, come certi guru alimentari vorrebbero farci credere. Effettivamente il bersaglio prediletto in questo vero e proprio business sono sicuramente le donne. Siti e blog sul tema si moltiplicano, coinvolgendo anche dei Vip. L’apice sembra essere stato raggiunto dal blog di Gwyneth Paltrow.

L’assenza del ciclo mestruale è salutare?

Chi propone la dieta fruttariana (basata sul cibarsi di sola frutta), spesso mette in evidenza questo aspetto presentato come segno di salute: "non avrai più le mestruazioni". Tali affermazioni solitamente le fa chi sostiene zelantemente la sua dieta preferita, senza vantare competenze mediche. Effettivamente identificare il mestruo come segno di “impurità” sembra si addica più ad una visione antica e superata della donna. Maggiori problemi li abbiamo quando in Rete questa narrazione viene rilanciata da chi vanta delle competenze in medicina, come hanno segnalato recentemente i colleghi di Butac.

Punti di vista pericolosi. Secondo il “personale punto di vista” di uno di questi autori, il mestruo sarebbe una sorta di risposta avversa del corpo ad una intossicazione dell’organismo. “Le mestruazioni corrispondono al provvidenziale intervento del corpo”. Insomma, con le mestruazioni la donna si “purificherebbe” dalle tossine. Non solo, chi pratica una dieta fruttariana risulterebbe anche più fertile. Così la menopausa risulterebbe la conseguenza di un eccesso di “muco”, una non meglio definita sostanza “prodotta dal corpo spesso in risposta a cibi cotti e iperproteici”.

Le prove? Chiedi agli Hunza. Le basi di tali affermazioni risiederebbero nel popolo degli Hunza, i quali sarebbero in grado di procreare anche a 90 anni. Il problema è che se la prova sono gli Hunza allora chi fa queste affermazioni non ha proprio niente in mano. Questo popolo del Pakistan è spesso oggetto di vere e proprie leggende prive di fondamento, ma gettonatissime nei siti salutisti e new age.

Perché vengono le mestruazioni?

Fino a prova contraria – come vi confermerà qualsiasi ginecologo – le mestruazioni sono imprescindibili in una condizione di fertilità, fanno parte del ciclo definito appunto “mestruale”. Si tratta di una sequenza di cambiamenti fisiologici dell'apparato riproduttivo femminile. La perdita di sangue che caratterizza le mestruazioni è dovuta allo sfaldamento dello strato superficiale dell'endometrio, la mucosa che ricopre la cavità interna dell'utero. C’è a prescindere da cosa mangiamo. L’assenza di mestruazioni ha un nome: “amenorrea” e non è una condizione raccomandabile. Essa infatti è indice di un pessimo stato di salute, potrebbe trattarsi di disfunzioni della tiroide, avitaminosi, malattie infettive gravi, anemia o denutrizione. L’ultima condizione è molto probabile se si segue una dieta squilibrata, magari fatta di sola frutta. Ci sono anche condizioni mentali in cui una donna può cadere più facilmente nella trappola delle diete estreme, come la ortoressia nervosa, su cui i guru alimentari fanno spesso leva.