E' partita la Paris Fashion Week dedicata all'Haute Couture e sono moltissime le Maison internazionali che stanno presentando le loro collezioni di Alta Moda per la stagione Autunno/Inverno 2018-19. Ieri è stato il turno di Dior, che ha scelto il Musée Rodin per il suo esclusivo show guidato da Maria Grazia Chiuri. La direttrice creativa della griffe ha lavorato con dei tessuti di alta qualità e, nonostante abbia voluto mettere in mostra il valore della grande tradizione degli atelier, ha rivolto anche uno sguardo verso il futuro, presentando 71 abiti freschi, moderni e glamour.

La collezione Haute Couture Autunno/Inverno 2018-19 di Dior

Con la collezione Haute Couture per l'Autunno/Inverno 2018-19 presentata a Parigi da Dior, Maria Grazia Chiuri ha voluto rispondere all'interrogativo: qual è il senso dell'Alta Moda oggi? In un mondo affamato di novità, lei è tornata alle "radici", mettendo in mostra l'unicità del mondo dell'Haute Couture, le cui creazioni sono il frutto di ore e ore di lavoro.

Ha puntato tutto sul color carne, declinato in diverse tonalità e modelli a seconda della donna che lo indossa. Pieghe, intarsi, pizzi, tulle, ogni singolo dettaglio degli abiti è stato costruito sul corpo e sulla pelle delle clienti, anche se si tratta di capi dalle silhouette essenziali. La stilista ha dichiarato:

Non ho usato l'archivio ma la memoria dell'archivio. Solo nell'alta moda puoi fare certe cose, usare tessuti fatti ad hoc, lavorare sui volumi e sul corpo delle clienti per costrurglieli addosso. Oggi siamo troppo chiusi nel presente e la moda è troppo veloce. Con questa collezione d'alta moda voglio spiegare cosa c'è dentro e dietro ad un vestito, cosa c'è oltre al ricamo, quanto tutto sia complicato e magico.

Tuniche impreziosite da plissé soleil, gown di pizzo con gonne a ruota, top sagomati, abiti da ballo in tulle, velluto, pizzi floreali, sono solo alcune delle caratteristiche della linea presentata dalla stilista a Parigi. Non mancano i tailleur, i tubini, i baschetti, i guizzi di colori accesi come il rosso. L'obiettivo? Valorizzare all'estremo il sogno dell'Alta Moda, dando vita a capi essenziali ma dalle lavorazioni esclusive che vengono valorizzate dal color nude. In questo modo la Maison ha dimostrato che intende cambiare volto e aprirsi a un consumatore contemporaneo anche se allo stesso tempo non vuole perdere il contatto con i suoi valori tradizionali.