La dieta mediterranea è il regime alimentare per eccellenza, consigliato da nutrizionisti e dietologi. Non si tratta di un programma dietetico, come molti credono, ma è un vero proprio stile di vita, tipico delle aree del bacino del Mediterraneo, e oggi esportato ovunque: nel 2010 è stata proclamata dall'UNESCO "Patrimonio immateriale dell'umanità". La dieta mediterranea apporta molti benefici alla salute, si tratta  infatti di un regime alimentare sano ed equilibrato che non fa divieto di nulla, in quanto offre un perfetto equilibrio di tutti i nutrienti essenziali per il benessere del nostro organismo: protegge dalle malattie cardiovascolari e prevede principalmente il consumo di alimenti di origine vegetale. Inoltre è un regime alimentare a ridotto impatto ambientale, rispetto ad altri modelli alimentari e apporta benefici anche di tipo sociale ed economico. La dieta mediterranea è una cultura che si tramanda da generazioni nelle aree che si affaciano sul Mediterraneo. Scopriamo allora quali sono i benefici della dieta mediterranea e perchè è considerata la migliore al mondo.

Cos'è la dieta mediterranea e quando nasce

La dieta mediterranea è un modello alimentare equilibrato e si basa principalmente su alimenti come: cereali, pane, verdura, olio di oliva, pesce e vino, ben rappresentati attraverso la cosiddetta piramide alimentare, un modo pratico per visualizzare le regole della corretta alimentazione, mettendo alla base gli alimenti che possiamo consumare di più e, al vertice, quelli che dobbiamo limitare. Alla base della piramide troviamo l'acqua (quindi bere molto), con pane, pasta, patate, riso e cereali,  poi troviamo frutta, verdura e legumi e, più sù, olio di oliva, latte e latticini, poi ancora uova, carne bianca e pesce, fino ad arrivare al vertice, dove troviamo gli alimenti di cui dobbiamo limitare il consumo: carne rossa, salumi e dolci. La dieta mediterranea ha quindi tre caratteristiche fondamentali: basso consumo di grassi saturi, è ricca di fibra alimentare e carboidrati, e ha un elevato apporto di grassi monoinsaturi che derivano principalmente dal consumo di olio d'oliva. Le caratteristiche principali di questo regime alimentare si possono riassumere in due parole: varietà e completezza.

La dieta mediterranea è stata introdotta e studiata dal fisiologo e biologo americano Ancel Keys e nasce precisamente nel Cilento negli anni Quaranta. Il medico, che allora era a seguito delle truppe americane, notò che la popolazione cilentana, alimentandosi di pane, pasta, verdure, legumi, poca carne, pesce, frutta e olio extravergine di oliva, si ammalava raramente di malattie cardiovascolari e gastrointestinali, o comunque molto meno rispetto alla popolazione americana. Intraprese allora un'indagine, che durò 40 anni, per studiare le abitudini alimentari locali e stilare un regime alimentare specifico, studiando in modo scientifico le porzioni della dieta mediterranea: 60% di zuccheri di cui: l'80% complessi (pane integrale, pasta, riso, mais) e 20% di zuccheri semplici; 15% di proteine; 30% di grassi buoni (olio di oliva); frutta e verdura in quantità perché utili a fornire il giusto apposto di vitamine, minerali, antiossidanti e fibre

Benefici della dieta mediterranea per la salute

La dieta mediterranea apporta molti benefici alla nostra salute. Seguire questo regime alimentare migliora la memoria, aiutando a prevenire malattie come l'Alzheimer: l'olio extravergine di oliva aiuta, infatti a migliorare la memoria a breve termine. Inoltre protegge dallo stress ossidativo il nostro organismo e riduce la probabilità di sviluppare malattie renali croniche. I veri benefici della dieta mediterranea deriverebbero dal consumo giornaliero di frutta, verdura, legumi, cereali e carni bianche, riducendo invece al minimo il consumo di carni rosse, prodotti industriali e dolciumi. Consumare olio extravergine di oliva e frutta secca, aiuterebbe anche a prevenire malattie cardiovascolari proteggendoci anche da ictus e infarti.

Quali sono gli alimenti principali della dieta mediaterranea

L'alimento principe della dieta mediterranea è l'olio d'oliva che aiuta a controllare il rischio cardiovascolare grazie ai polifenoli in esso contenuti che svolgono un'azione antiossidante. L'olio d'oliva funziona come un potente antinfiammatorio che previene malattie cardiovascolari e l'aterosclerosi. La dieta mediterranea si caratterizza anche per il consumo di alimenti di origine vegetale: frutta e verdura hanno infatti un ruolo centrale in questo regime alimentare. Garantiscono infatti il giusto apporto di sali minerali, vitamine, riducendo l'apporto calorico. Anche la frutta secca ha un ruolo fondamentale nella dieta mediterranea, soprattutto noci e mandorle, in quanto sono ricche di grassi polinsaturi, cioè di grassi buoni che proteggono le arterie. I cereali, il grano duro in particolare, è un alimento comune a tutte le popolazioni del Mediterraneo in quanto costituisce la materia prima con cui si realizzano pasta e pane. La pasta fornisce un importante apporto di carboidrati sotto forma di amido, la pasta integrale fornisce poi maggiori quantità di fibre e sali minerali, benefici per il buon funzionamento dell'apparato gastrointestinale. Anche il vino rosso è la bevanda che accomuna i paesi del Mediterraneo: contiene polifenoli che riducono il rischio cardiovascolare. Ovviamente il consumo dipende anche dallo stato fisico di ogni singola persona, in quanto potrebbe aumentare i trigliceridi. Una persona in buona salute può comunque consumare un bicchiere di vino rosso al giorno.

Ma perché la dieta mediterranea è considerata la migliore al mondo?

La dieta mediterranea è considerata la migliore al mondo perché è un modello alimentare equilibrato che apporta benefici non solo alla salute, ma anche all'ambiente e alla società. La dieta mediterranea ha un basso impatto ambientale, inferiore del 60% rispetto ad altre diete di tipo nordamericano o nordeuropeo in quanto si basa principalmente su vegetali e cereali, piuttosto che su carne e grassi animali. Inoltre la dieta mediterranea prevede il consumo di alimenti rispettandone la stagionalità. Tra i benefici sociali, seguire questo regime, insieme all'attività fisica, aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tumori. Inoltre, la dieta mediterranea promuove la consapevolezza alimentare, il legame con il territorio, ma anche l'interazione sociale e la convivialità. Dal punto di vista economico, poi, seguire questo modello alimentare ridurrebbe la spesa sanitaria in quanto migliorerebbe lo stato di salute generale della popolazione.