Il Natale è una delle feste più amate da coloro che passano dei meravigliosi momenti in famiglia e in compagnia delle persone care, ma purtroppo non tutti hanno la possibilità di farlo. Inevitabilmente, per questi ultimi diventa una ricorrenza  triste e depressiva. E’ proprio quanto accade ai bambini orfani o che non hanno delle famiglie unite. Non vogliono giocattoli costosi o accessori super tecnologici, nelle lettere destinate a Babbo Natale chiedono qualcosa di semplice ed umile: avere qualcuno che li ami.

Il gruppo di volontari del gruppo “Mothers Against Drugs”, con sede nella Gold Coast, nel Queensland, gestisce un’iniziativa molto particolare: trasformare i sogni dei bambini bisognosi in realtà. Anche se la nostra società è definita quella del consumismo più sfrenato, questi bambini hanno dimostrato che esiste ancora la semplicità. Nelle loro letterine, alcuni hanno chiesto un criceto da amare, altri che il papà non facesse male alla mamma ed altri ancora un pranzo caldo, una cartella nuova o dei libri scolastici. Si tratta di richieste che molti altri danno per scontate ma che per loro sono delle cose incredibili.

La fondazione Mothers Against Drugs l’anno scorso ha aiutato circa 700 famiglie con i suoi 400 volontari ed anche quest’anno si propone di rifare lo stesso. Ha lanciato infatti un appello su Facebook a tutti coloro che vogliono dare il proprio contributo e la risposta è stata massiccia. Sono sempre più le persone convinte che non c’è regalo  più bello di donare un sorriso ad un bambino sfortunato che altrimenti avrebbe un Natale decisamente infelice.