I saldi estivi 2019 partiranno tra poche ore e sono moltissimi quelli che si stanno già preparando per darsi allo shopping sfrenato, così da rinnovare il proprio armadio spendendo pochissimo. In alcune regioni d'Italia come Liguria, Basilicata e Campania le svendite di fine stagione sono già cominciate e nei negozi si sono già viste le solite scene di panico che si ripetono ogni anno, dai clienti che fanno a gara per accaparrarsi un capo della propria taglia agli scaffali che diventano disordinatissimi in poche ore. Ecco dunque quali sono i piccoli "inconvenienti" che si verificano nel periodo delle offerte e i consigli per evitarli.

Gli inconvenienti che si verificano durante le svendite

A poche ore dall'inizio delle svendite estive è necessario cominciare a prepararsi, così da sapere a cosa si andrà incontro. Spesso, infatti, ci si ritrova di fronte a vere e proprie scene di panico che finiscono per trasformare il momento dello shopping in una tortura. A chi non è mai capitato di vedere un negozio stravolto nel periodo dei saldi? Nonostante gli stand vengano curati nei minimi dettagli e ordinati a seconda del colore o del prodotto offerto, pochi minuti dopo l'apertura degli store ci si ritrova nella confusione più totale tra una miriade di capi buttati a terra che vengono calpestati da chiunque. Oltre a essere una mancanza di rispetto verso gli altri clienti, la cosa preoccupante è che quei capi rovinati verranno ripiegati e rimessi in esposizione il giorno dopo, anche se le loro condizioni igieniche lasciano a desiderare. Come se non bastasse, a volte le persone non hanno nessuna cura quando li provano, arrivando a strapparli o a scucirli in qualche punto. Bisogna poi "lottare" per accaparrarsi un determinato prodotto in offerta, scavando tra il disordine più totale come succede nei mercatini di seconda mano. Insomma, è innegabile che durante le svendite si vada incontro a piccoli inconvenienti ma per evitare di lasciarsi "fregare", è possibile prendere una serie di precauzioni: ecco quali sono.

I consigli da seguire quando si acquista in periodo di saldi

Fare acquisti durante i saldi può rivelarsi un'arma a doppio taglio. Se da un lato si riesce a rinnovare l'armadio risparmiando non poco, dall'altro spesso ci si ritrova con capi vecchi, rovinati e danneggiati. Certo, si ha la possibilità di cambiarli entro un certo limite di tempo ma, quando si ha poco tempo a disposizione per lo shopping, la cosa può essere non poco pesante. E' necessario dunque prendere una serie di precauzioni, prima tra tutte controllare attentamente gli abiti che si stanno per comprare, facendo bene attenzione a possibili buchi o scuciture. Una volta arrivati a casa, è necessario lavarli, soprattutto quando l'acquisto è stato fatto in catene d'abbigliamento low-cost, dove spesso le magliette e i pantaloni che riversano disordinati (e rotti) sul pavimento vengono rimessi sugli scaffali il giorno dopo. E' importante ricordare che i commessi non sono degli "schiavi" e che lavorano per intere giornate in quella confusione, dunque per venirgli incontro si potrebbe evitare di lasciare i capi su scaffali sbagliati o almeno consegnare a loro le gonne, i pantaloni e le t-shirt che non vanno bene all'uscita dai camerini. Solo dopo aver fatto tutto questo si potrà davvero dire di aver fatto un vero affare in periodo di svendite.