Aristocratica di nascita, punk nello stile, ambientalista per vocazione: Stella Tennant, la supermodella degli anni Novanta morta improvvisamente a cinquant'anni, viene ricordata in tutto il mondo della moda con commozione e affetto. Come tutte le grandi storie d'amore, anche l'incontro tra la giovane Stella e il mondo della moda avvenne per caso: lei voleva dedicarsi alla scultura, ma incontrò Isabella Blow, leggendaria editor inglese con il fiuto da talent scout (un nome su tutti: Alexander McQueen). In un mondo dominato modelle prorompenti, Stella Tennant rompeva ogni regola: altissima, magrissima, androgina. Il suo stile rivoluzionario l'ha consacrata per sempre nell'olimpo delle "divine", le top model degli anni Novanta.

Il ricordo di Chanel: "Musa e amica"

Dopo un primo servizio fotografico con Steven Maisel, la carriera di Stella Tennant fu tutta in ascesa: Karl Lagerfeld la scelse come nuovo volto della sua Maison per la sua estetica moderna e per l'impressionante somiglianza con Coco Chanel. Alla notizia della sua morte, la casa di moda ha condiviso sui social uno scatto in bianco e nero della modella: pantalone palazzo, panama e camicia bianca, in posa proprio come Mademoiselle. È il look che indossò per sfilare a Cuba, nel 2016, per la presentazione della Cruise Collection. Nelle frasi d'accompagnamento Stella Tennant viene descritta come "amica leale della Maison e musa di Karl Lagerfeld". Chanel ha offerto "le più sentite condoglianze alla famiglia, ricordando la sua eredità e il suo spirito".

Gli omaggi della moda a Stella Tennant

Musa di Karl Lagerfeld, ma anche di Gianni Versace, come scrive il brand sui social: "Siamo in lutto per la morte di Stella Tennant, musa di Gianni e amica di famiglia per molti anni. Ci mancherai per sempre". Tutti i brand per cui ha sfilato l'hanno ricordata sui loro profili social con grande commozione. Sul profilo Instagram Alexander McQueen sono state due foto: una la ritrae da giovane, in passerella, l'altra è più recente. "Adorata Stella – si legge nella didascalia – i nostri cuori sono a pezzi". La casa di moda Jean Paul Gaultier ha condiviso una pagina di un'editoriale dove la modella posava come una novella Giovanna D'Arco, con un abito lungo fino ai piedi e un pezzo di un'armatura al braccio. "Rest in Power dear Stella" recita la didascalia, cambiando la tradizionale frase "riposa in pace" con "riposa nella forza", più congeniale al carattere deciso della modella.

Stella Tennat in Versace fotografata da Richard Avedon nel 1996
in foto: Stella Tennat in Versace fotografata da Richard Avedon nel 1996

Pierpaolo Piccioli: "Un'anima elegante"

Pierpaolo Piccioli, designer di Valentino, l'ha ricordata sui social come "un esempio assoluto e unico di un'anima elegante". Poi ha scritto: "Aveva una luce splendente dentro di sé e mi mancherà la sua presenza straordinaria e la magia che creava intorno a sé. Abbiamo perso una persona davvero speciale". Ma non sono solo gli stilisti a piangere la sua scomparsa: "Lavorare con te è stato un regalo immenso – scrive l'agente di moda Piero Piazzi, al suo fianco per oltre un decennio – Non solo una modella indimenticabile ma una donna con una gentilezza e una grazia molto rare. Resterai un'ispirazione per tutti noi". Il post si conclude con un pensiero al marito, l'ex fotografo David Lasnet, e ai suoi quattro figli. Una donna dalle grandi doti umane, oltre che un'icona della moda.

Stella Tennant in passerella nel 2019 per un evento di beneficienza
in foto: Stella Tennant in passerella nel 2019 per un evento di beneficienza