Il Coronavirus ferma il mondo della moda. La situazione di emergenza delle ultime settimane e i provvedimenti presi da quasi tutti gli Stati per evitare che i contagi da Covid-19 aumentino in maniera incontrollabile, hanno fatto sì che numerosi eventi in programma nei prossimi mesi venissero annullati: questione di sicurezza pubblica e di buon senso. All’elenco di quanti avevano già deciso di posticipare i prossimi impegni, si aggiungono adesso anche Versace e Armani.

Coronavirus, la decisione delle Maison italiane

«Dopo attente considerazioni e a seguito delle misure restrittive relative alla mobilità internazionale, Versace ha deciso di rimandare la sfilata Cruise annunciata per il 16 maggio negli Stati Uniti. Versace è cosciente della necessità di dare priorità alla salute e alla sicurezza dei suoi ospiti e dei suoi impiegati e avrà premura di comunicare maggiori dettagli a tutte le persone coinvolte non appena possibile», si legge nella nota diffusa della casa di moda italiana. Armani che aveva già deciso, in via precauzionale, di far sfilare a porte chiuse la collezione Autunno/Inverno 20-21 durante la Milano Fashion Week, ha scelto anche di annullare un evento in programma il 19 e 20 aprile a Dubai, durante il quale sarebbero stati celebrati i 10 anni dell’Armani Hotel, nonché la riapertura della boutique al Dubai Mall.

Tutte le altre sfilate annullate a causa del Coronavirus

Sono anche altre le case di moda che hanno sospeso i loro appuntamenti, almeno fino a quando la situazione non sembrerà migliorare. Non si terrà, almeno per ora, la sfilata di Ralph Lauren in programma nel mese di aprile a New York, così come la Cruise 2021 di Gucci, in calendario per il 18 maggio a San Francisco. Non partiranno per Cina e Giappone neppure Chanel – che aveva in programma la sfilata Métiers d’art a Pechino – e Prada – che il 21 maggio avrebbe dovuto presentare la collezione Resort a Tokyo. A questi nomi nelle prossime ore potrebbero aggiungersene di altri.