Alla Settimana dell'Alta Moda parigina succede anche che sul catwalk sfili una modella trans. Lei è Conchita Wurst, la cantante transgender, vincitrice dell'Eurovision Song 2014 e nuova icona pop capace di scuotere le masse, facendo andare in visibilio il pubblico e scioccando in benpensanti con la sua barba e i suoi lunghi abiti da diva. A volerla in passerella è stato l'enfant terible della moda francese, Jean Paul Gaultier, celebre per le sue sfilate-evento sempre fuori dal comune, in cui hanno sfilano icone di oggi e di ieri, come Amanda Lear, e in cui i vestiti sono solo un pretesto per parlare d'altro e lanciare un messaggio ben preciso.

Conchita Wurst modella per Jean Paul Gaultier

Ieri a Parigi, Conchita Wurst è salita sulla passerella Autunno/Inverno 2014-15 di Jean Paul Gaultier, chiudendo la sfilata Haute Couture della Masion Francese. La star della musica è stata la vera protagonista dello show ed ha chiuso la sfilata d'Alta Moda calcando la passerella con un lungo abito nero con dettagli rossi e decori gold. Il modello, con tanto di velo nero, ricordava gli abiti tradizionali spagnoli. Gaultier ha scelto di riservare l'uscita finale – nell'haute couture solitamente si chiude la sfilata con un abito da sposa –  a Conchita Wurst trasformandola in modella per un giorno.