Capita a tutte di ritrovarsi la spazzola piena di capelli e, il più delle volte, pensiamo di pulirla semplicemente tirandoli via, riponendo di nuovo la spazzola. In realtà in questo modo abbiamo fatto ben poco: è importante infatti pulire periodicamente spazzole e pettini, ma anche tutte le attrezzature che utilizziamo per l'hairstyling, come phon, piastre e arricciacapelli, in quanto all'interno si accumulano anche polvere, sebo e forfora. Si tratta infatti di oggetti che vengono a contatto con il cuoio capelluto e che spesso ci capita di condividere con altre persone. Ovviamente in casa non abbiamo a disposizione macchine sterilizzatrici come quelle dei parrucchieri, ma possiamo ricorrere a metodi più semplici ma comunque efficaci. Scopriamo allora come pulire le spazzole per capelli per averle igienizzate e sempre al top, così da poter mantenere anche i capelli puliti e brillanti più a lungo.

Pulizia periodica per spazzole, pettini e tool per capelli

Anche se non c'è una regola per stabile ogni quanto lavare spazzole e pettini, di norma si tratta di un'operazione da fare almeno una volta al mese, oppure più volte se le utilizziamo in condivisione. Si tratta infatti di oggetti che utilizziamo ogni giorno per pettinarci o realizzare haistyling ed è importante pulirli e disinfettarli. Per piastre e phon possiamo farlo anche ogni due mesi, o comunque appena ne avvertiamo l'esigenza. In questo modo eviteremo l'accumulo di batteri e polvere, che possono provocare prurito o irritazioni al cuoio capelluto, oltre a sporcare facilmente i capelli. Vediamo allora in che modo procedere con la pulizia passo dopo passo e che rimedi utilizzare.

Gli step da seguire per pulire le spazzole nel modo giusto

Che si tratti di spazzole e pettini in plastica, legno o metallo esistono dei metodi di pulizia efficaci che basta eseguire con cura. La prima cosa da fare è eliminare i capelli dalla spazzola, operazione che potete eseguire con il pettine sollevandoli dalla base e tagliandoli poi con l'aiuto delle forbici, per rimuoverli in modo più veloce. Nel caso di capelli incastrati nelle setole della spazzola, bagnatela sotto acqua calda: in questo modo si ammorbidiranno, venendo via facilmente. Per togliere la polvere dalle spazzole potete invece utilizzare lo spazzolino da denti o quello per le unghie, utilizzandoli sempre nello stesso verso.

Ora passiamo alla fase del lavaggio: passate prima le spazzole sotto acqua corrente e poi immergetele in una bacinella con acqua calda e 2 cucchiai di bicarbonato lasciandole in ammollo per un'ora: aggiungete un paio di gocce di olio di tea tree per potenziarne il potere disinfettante, altrimenti potete utilizzare l'olio essenziale di lavanda per rendere le spazzole più profumate. In alternativa potete immergerle in acqua calda e sapone neutro, preferendo il sapone di Marsiglia liquido, il bagnoschiuma o comunque un detergente delicato che non lasci residui tra le setole: questo metodo è consigliato soprattutto per le spazzole e pettini di legno o che contengono sughero. Lasciate in ammollo le spazzole sempre per un'ora, sciacquate e asciugate bene. Anche l'aceto bianco può essere utilizzato per la pulizia delle spazzole, soprattutto grazie al suo potere disinfettante: potete metterlo in un contenitore spray e spruzzarlo ogni tanto su spazzole e pettini per mantenerli igienizzati. Anche in questo caso aggiungete alla soluzione poche gocce di olio essenziale, così da eliminare il forte odore dell'aceto.

Finita la fase di ammollo utilizzate uno spazzolino da denti per strofinare le setole e la base delle vostre spazzole: in questo modo favorirete la rimozione di eventuali residui. Strofinate con lo spazzolino mentre passate le spazzole sotto l'acqua corrente, poi fate asciugare bene, appoggiandole sulla carta assorbente con le setole rivolte verso l'alto, preferibilmente all'aria aperta. Una volta asciutte riponetele nel cassetto, così da non farle impolverare.

Consigli utili

Se avete fretta potete anche asciugare la spazzola con il phon, impostando però l'interruttore sull'aria fredda: evitate l'aria calda perché potrebbe danneggiare le setole. Prima di utilizzare la spazzola, assicuratevi che sia ben asciutta così da non rovinarvi la messa in piega, ma anche per evitare di piegare o rovinare le setole. Per mantenere la spazzola pulita più a lungo, eliminate i capelli rimasti nelle setole ogni volta che vi pettinate e ricordate di pulirla prima dello shampoo: in questo modo sarete sicure di non sporcare i capelli appena lavati. Per pulire al meglio la base dei pettini, utilizzate il filo interdentale, che eliminerà ogni residuo di sporco.

Non solo spazzole: ecco come mantenere puliti phon e piastre per capelli

Ad entrate in contatto con i nostri capelli non ci sono solo spazzole e pettini, ma anche phon, piastre e arricciacapelli. Anche se il phon non entra direttamente in contatto con il cuoio capelluto, muovendo aria calda accumula molta polvere, principalmente nella ventola e nella griglia: in questo caso bisognerà smontarle per pulirle al meglio. Potete pulire le ventole con acqua e sapone neutro, da sciacquare e asciugare perfettamente prima di rimontare, mentre per la griglia utilizzate uno spazzolino da denti bagnato con alcool.

Anche piastre e arricciacapelli possono sporcarsi facilmente, anche perché sono a contatto con i capelli: non solo possono impolverarsi, ma possono sporcarsi anche con i capelli bruciati che ci restano attaccati sopra. In generale potete pulirle con un panno in microfibra bagnato con aceto, se si tratta di piastre in acciaio, oppure solo un panno umido nel caso di piastre in ceramica o tormalina. In ogni caso meglio consultare il libretto apposito, per pulire la vostra piastra nel modo giusto senza danneggiarla.