Il basilico è una pianta annuale originaria dell'Asia ma diffusasi poi in tutto il mondo. Fa parte della famiglia delle Laminaceae e può raggiungere un'altezza di 60 cm. È una pianta aromatica molto utilizzata in cucina e che possiamo facilmente coltivare nel nostro giardino ma anche in vaso, così da averlo sempre fresco per le nostre ricette. Il basilico è ottimo in cucina ma anche per la nostra salute e il nostro benessere: consumato fresco è utile per curare i disturbi dell'apparato gastrointestinale: nausea, coliche, problemi digestivi. L'olio essenziale di basilico è un buon rimedio in caso di crampi addominali ma riesce anche a curare malattie del tratto respiratorio, rivelandosi un toccasana in caso di raffreddore, bronchite, tosse e asma. Inoltre il basilico è ricco di fibre, sali minerali, proteine e vitamine, ha proprietà antinfiammatorie, lenitive, antibatteriche e aiuta a combattere lo stress. Perché allora non coltivare il basilico a casa, sul proprio balcone? In questo modo avremo subito a disposizione le sue foglie per arricchire i nostri piatti, oltre ad usufruire di tutti i suoi benefici.

Come coltivare il basilico in vaso

Il basilico è una pianta annuale che può essere seminata da marzo fino a maggio e che cresce bene in giardino, in orto ma anche in vaso, grazie alle sue dimensioni che non superano i 60 cm. La pianta ama il clima mite che non scende al di sotto dei 10 gradi e preferisce la luce per almeno 6 ore al giorno.

Occorrente: semi di basilico, terriccio, cassetta della frutta in legno o in plastica, vasi di terracotta bucati sul fondo, sassolini.

Come coltivare il basilico

  • Inserite all'interno della cassetta di frutta i sassolini, in modo da evitare i ristagni d'acqua, e poi aggiungete il terriccio;
  • spargete i semi, ricopriteli con 2 cm di terriccio e annaffiate servendovi di uno spruzzino;
  • coprite la cassetta con del cellofan fermando con un elastico e collocatela in un posto luminoso ma non alla luce diretta del sole;
  • ogni giorno è importante eliminare la condensa e inumidire il terreno.

Come rinvasare il basilico

Raggiunta l'altezza di almeno 7 cm (dopo circa 20 giorni) il basilico va rinvasato.

  • Estraete le piantine delicatamente lasciando un po' di terriccio vicino alle radice;
  • riempite i vasi di terracotta di terriccio come avete fatto nella fase precedente e trapiantate 4 o 5 piantine per vaso;
  • dopo annaffiate e lasciate i vasi al sole mantenendo però sempre la terra umida.

Come curare il basilico

Ricordate di annaffiare le piantine di basilico un poco tutti i giorni in modo che il terreno sia umido ma mai troppo bagnato e preferite il mattino presto. I vasi vanno collocati in una zona luminosa ma non sotto la luce diretta del sole altrimenti le foglie potrebbero bruciarsi. Inoltre, nelle notti fredde è consigliabile coprire le piantine con del cellofan. Ricordate poi di eliminare i fiori e le cime regolarmente per far crescere la pianta più rigogliosa.

Dopo un mese potrete già raccogliere il basilico ma aspettate che la pianta cresca almeno 10 cm prima di raccogliere le foglie in quanto, nelle piantine molto giovani, c'è un'alta concentrazione di metileugenolo, sostanza che potrebbe rendere pericoloso il basilico per la salute, ma che si perde quando la pianta supera i 10 cm. di altezza.