Come capire se una persona sta mentendo? Tutti ci siamo posti questa domanda almeno una volta nella vita, soprattutto quando, parlando con qualcuno, siamo stati assaliti dal dubbio che stesse dicendo qualche bugia. Smascherare questi "pinocchio" non sempre è un'impresa semplice, in quanto i segnali che qualcuno ci sta mentendo non sono sempre facili da decifrare. Bisogna poi aggiungere che è difficile smascherare un bugiardo in modo definitivo. Ci sono però dei segni a cui possiamo fare attenzione, per cercare di capire se il nostro interlocutore ci sta mentendo. Bisogna quindi osservare attentamente movimenti degli occhi e linguaggio del corpo e non limitarsi solo a guardare.

1.Movimenti degli occhi

Osservare lo sguardo della persona che ci sta di fronte è importante per capire se ci sta mentendo. Se le pupille vanno velocemente a destra e a sinistra, potrebbe significare che ci sta dicendo una bugia. Solitamente infatti, chi mente evita il contatto visivo, anche se bisogna stare attenti: chi è abituato a mentire, impara a guardare negli occhi per sembrare sincero. Ci sono però dei movimenti che non sempre si possono contenere: solitamente noi battiamo le ciglia circa 5 volte al minuto, se invece siamo sotto stress, potrebbero sbattere 5 o 6 volte consecutivamente. Altro modo per smascherare il bugiardo dallo sguardo è chiedergli di ricordare una cosa: se guarderà a sinistra, vuol dire che sta evocando un ricordo, mentre se guarda a destra è probabile che stia inventando una risposta. Per i mancini vale l'inverso.

2.Corpo troppo rigido

Sappiamo che il linguaggio del corpo è importante per smascherare i provetti pinocchio, spesso infatti le persone si agitano mentre inventano bugie. Bisogna però fare attenzione anche all'altro estremo: le persone che restano immobili: ciò potrebbe essere il segno della primitiva lotta neurologica, al posto della fuga. In questo caso il corpo si prepara per un possibile confronto. Quando parliamo in una normale conversazione, infatti, ci sono movimenti naturali che non possiamo comandare. Se invece la posizione è troppo rigida bisogna drizzare le antenne.

3.Sorride "solo" con le labbra

Chi mente tende anche a sorridere più di quanto la conversazione richieda e, soprattutto, sorride "solo" con le labbra. Quando invece il sorriso è spontaneo e naturale, coinvolge tutto il corpo, compresi occhi e sopracciglia, oltre le labbra. Le persone che fanno finta di sorridere, si concentrano solo sulle labbra: in questo modo stanno tradendo i propri sentimenti.

4.Aggiunge troppi dettagli

Chi sta dicendo una bugia solitamente aggiunge troppi dettagli sulla questione, si pensa infatti che raccontare tutto per filo e per segno ci renda più credibili. Diffidate quindi di chi racconta tutto con tanti particolari, spesso inutili, in quanto è un modo per alimentare le sue fantasie. Le persone che invece mirano all'essenziale e fanno discorsi lineari, instaurano con l'altro un rapporto di fiducia.

5.Movimenti del corpo che non corrispondono alle parole

I bugiardi seriali sono capaci di prepararsi un discorso convincente, spesso però ciò che dicono non corrisponde ai movimenti del corpo. Chi sta mentendo può dire a voce alta "sì", ma con il capo fa cenno di no. Finge di essere dispiaciuto ma i suoi occhi hanno un'espressione felice, oppure cerca di raccontare qualcosa di convincente ma alza le spalle mentre lo dice.

6.Ripete la domanda che gli è stata posta

Quante volte è capitato che il vostro interlocutore ripetesse la domanda che gli avevate posto? Si tratta di un comportamento che utilizzano molto spesso anche gli studenti, quando sono poco preparati: serve infatti a prendere tempo, a guadagnare quei secondi preziosi per capire cosa dire. Quando si fa finta di non aver capito, si cerca anche di spostare l'attenzione e recuperare il tempo per inventarsi una storiella.

7.Mette distanza tra sé e l'oggetto della discussione

Se la menzogna del bugiardo fa riferimento ad una persona, con molta probabilità tenderà a mettere una particolare distanza tra sé e l'oggetto della discussione. Si rivolgerà quindi alla persona con espressioni come "quella lì" 0 "quello lì", invece che citarne il nome. Molti bugiardi si allontanano con le parole dal soggetto della loro menzogna.

8.I piedi sono disposti verso l'uscita

I bugiardi tendono involontariamente a disporre i piedi verso l'uscita: chi mente, infatti, vorrà scappare il prima possibile, in quanto si trova in una situazione che gli provoca stress. Se quindi non avete a che fare con un bugiardo seriale, che si sente a proprio agio anche quando mente, allora guardate la direzione dei suoi piedi.

Ovviamente i singoli comportamenti non sono la prova certa che ci troviamo davanti un bugiardo ma, se nella discussione notiamo molti di questi indizi, allora vuol dire, con molta probabilità, che ci troviamo di fronte a una persona che tende a mentire.