Quando una storia d’amore va avanti da molto tempo si tende a lasciare in secondo piano le coccole e i gesti affettuosi. Si dà per scontato infatti che il partner conosca i propri sentimenti e le proprie emozioni e dunque non si sente la necessità di dimostrare con baci, abbracci e gesti semplici l’amore provato. A lungo andare, però, questo atteggiamento potrebbe logorare la coppia poiché, anche quando l’intesa sessuale va a gonfie vele, i preliminari e le coccole pre-sesso continuano ad essere fondamentali in un rapporto.

Uno studio, pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships, ha dimostrato infatti che le gentilezze influenzano positivamente ogni tipo di relazione. Sono state esaminate 397 coppie conviventi eterosessuali per capire quali gesti vengono messi in pratica più frequentemente per far capire al partner che si vuole fare sesso. Il rapporto si è rivelato più soddisfacente quando prima di arrivare all'atto sessuale ci sono state coccole e gesti affettuosi. Inoltre, in questi casi si è raggiunta una maggiore stabilità nella relazione ed una migliore comunicazione.

Il contatto frequente riesce dunque a dare enormi benefici alle relazioni. David Leavitt, l'esperto che ha condotto lo studio, ha spiegato: "Le coccole, i preliminari, comunicano desiderio di essere vicini, di avere rapporti sessuali, di interesse per il rapporto. Così, anche se le coppie non fanno sesso, stanno rafforzando la relazione comunicando desiderio di essere vicini e impegnati al rapporto". Dimostrare il proprio affetto con dei gesti, inoltre, sarebbe estremamente benefico per la salute e non solo per il sesso. Il contatto fisico rende più felici, riduce lo stress, l’ansia, la depressione e rafforza il sistema immunitario.