La citronella o lemongrass, è una pianta officinale conosciuta soprattutto come ottimo rimedio antizanzare. Oltre alla sua azione repellente contro questi fastidiosi insetti estivi, la citronella possiede tante proprietà benefiche e terapeutiche: svolge un'azione antibatterica, antispasmodica, antinfiammatoria, e non solo. A caratterizzare questa pianta erbacea perenne è il suo odore, che ricorda quello del limone: per questo viene utilizzata in cucina soprattutto per la preparazione di pietanze orientali. Ma scopriamo di più sulle proprietà e gli utilizzi della citronella, e se ci sono delle controindicazioni.

Proprietà e benefici della citronella

La citronella è una pianta conosciuta per le sue proprietà antibatteriche e antivirali, viene infatti utilizzata per curare febbre e influenza. La sua azione antispasmodica invece, la rende efficace in caso di dolore e gonfiore addominale e di difficoltà digestive. Svolge inoltre un'azione decontratturante utile in caso di dolori reumatici e alle articolazioni, e sedativa, efficace sul sistema nervoso, favorendo il rilassamento mentale: utilizzato quindi come olio essenziale può agire positivamente sull'umore e sulla concentrazione. La citronella aiuta anche a migliorare la diuresi, elimina quindi i liquidi in eccesso: per questo viene utilizzato anche nelle diete per favorire la perdita di peso. Le sue proprietà sono dovute principalmente a dei principi attivi particolari, soprattutto mircene e i citrali, che permettono a questa pianta di svolgere un'azione benefica contro funghi, spasmi e microbi. La sua azione antizanzare, invece, è dovuta a due elementi, il geraniolo e il citronellolo, che funzionano come repellenti. La citronella può essere utile anche come deodorante naturale, in quanto non permette la proliferazione dei batteri: per questo risulta utile anche in caso di capelli e pelle grassa o acneica.

Citronella: come utilizzarla

Con le foglie della citronella è possibile preparare tisane e infusi che favoriscono la digestione, ma che aiutano anche a rilassarsi: per questo la tisana alla citronella è consigliata anche in caso di insonnia. Per uso esterno la citronella può essere utilizzata come olio essenziale diluito sempre in un olio vettore, come quello di oliva o di mandorle dolci. Basterà poi massaggiarne 1 o2 gocce sulla zona interessata in caso di contratture, problemi digestivi e di gas intestinali. Potete trovare le foglie e l'olio essenziale di cintronella in erboristeria.

In cucina, invece, la citronella viene utilizzata soprattutto per la preparazione di pietanze orientali: grazia al suo sapore simile a quello del limone, si abbina alla perfezione con peperoncino, aglio e zenzero e può essere utilizzata anche nelle insalate  e per insaporire le verdure. Potrete acquistare la pianta di citronella nei negozi di cucina etnica, ma anche nei grandi supermercati.

Come usare la citronella contro le zanzare

Se volete utilizzare la citronella come antizanzare ci sono diverse formulazioni che potete scegliere. Oltre all'olio essenziale di citronella, da spargere sui davanzali delle finestre, potete optare anche per l'incenso alla citronella, da accendere in casa al bisogno oppure per gli spray repellenti da spruzzare su braccia e gambe: per i bambini potete scegliere anche braccialetti o cerotti, da applicare sulla pelle o sui vestiti. Le candele alla citronella sono invece indicate soprattutto per terrazze e giardini, ma da posizionare anche sul davanzale, per evitare che le zanzare entrino in casa.

Controindicazioni

La citronella, così come tutti i rimedi naturali, può avere delle controindicazioni: non deve essere utilizzato nei soggetti che hanno una ipersensibilità verso la pianta. In questi casi, infatti, potrebbero comparire rossori e dermatiti, soprattutto dopo l'utilizzo di olio essenziale o spray che contengono citronella. L'uso dell'olio essenziale di citronella è inoltre sconsigliato a donne in gravidanza e allattamento e nei bambini con meno di 3 anni. Se utilizzate la citronella per la preparazione di tisane e infusi filtrateli bene prima di consumarli, perché le foglie di questa pianta contengono dei filamenti che possono risultare dannosi per lo stomaco.