L'ultima tendenza per chi fa sport e attività fisica e avere al polso il braccialetto conta calorie: si tratta di un innovativo accessorio hi-tech che durante l'esercizio come nelle vita quotidiana calcola le calorie bruciate o i passi compiuti durante la giornata.

Sembra un aggeggio rivoluzionario, ma in realtà non è così attendibile come si pensa: uno studio ha infatti rivelato che il margine di errore relativo al calcolo delle calorie bruciate può essere piuttosto alto. Dylan Thompson, docente di medicina dello sport all'Università di Bath, dopo aver testato i braccialetti con l'aiuto di una macchina che misura la calorimetria ha infatti affermato che "Ogni dispositivo ha un margine di errore". 

La sua tesi è stata inoltre confermata da alcuni ricercatori che hanno studiato nel dettaglio le funzioni dei braccialetti: "È possibile che il numero di calorie venga sovrastimato perché il braccialetto ‘pensa' che al movimento delle mani che battono sulla tastiera corrisponda anche un certo tipo di attività del corpo. Ma non è così e le persone potrebbero pensare, a fine giornata, di aver consumato più energia di quella che in realtà hanno bruciato". Si tratterebbe quindi di un oggetto sul quale non fare troppo affidamento, dal momento che potrebbe illuderci sulle calorie bruciate che nella realtà sono decisamente minori rispetto a quelle indicate dal braccialetto.