In passato, quando si indossava la biancheria intima, ci si preoccupava solo che fosse pulita e senza strappi e nessuno avrebbe mai pensato di metterla in mostra. Oggi, però, i tempi sono cambiati ed incredibilmente non sono più solo le donne quelle che arrivano a spendere centinaia di euro per acquistare della lingerie di lusso. Stanno aumentando infatti gli uomini che desiderano avere boxer davvero costosi.

Mostrare l’elastico griffato della propria biancheria intima, facendolo fuoriuscire distrattamente dal jeans ogni volta che si fa qualche movimento più estremo, è una cosa considerata estremamente cool e a dimostrarlo sono le innumerevoli pubblicità propinate dai brand di moda. Il primo a mostrare l’importanza della scelta della biancheria intima maschile è stato David Beckham, testimonial di Emporio Armani, che ha fatto capire a tutti che esistevano dei modelli più adatti al proprio fisico. La mania della lingerie da uomo di lusso ha contagiato anche il mondo della musica: Justin Bieber in occasione dei Fashion Rocks 2014 ha improvvisato uno spogliarello terminato con l’esibizione dei boxer, mentre il dj Calvin Harris si è “spogliato” per Emporio Armani.

Anche Tommy Hilfiger qualche mese fa ha prodotto della lingerie da uomo di alta gamma, scegliendo come testimonial d’eccezione il tennista Rafael Nadal. E’ stato proprio lo stilista americano ad aver dichiarato: “L’intimo maschile di oggi è rivoluzionario come lo fu il denim 20 anni fa. Anzi, l’intimo è il nuovo denim”. La sua affermazione non potrebbe essere più vera: sono finiti i tempi delle mutande bianche alla Fantozzi, degli slip tinta unita o decorati con fantasie di fantini al galoppo e pallini, i boxer maschili oggi devono essere indossati rigorosamente con dei jeans a vita bassa. In questo modo si farà capire a tutti che il proprio look è super ricercato, a partire dalla biancheria intima.