1 Febbraio 2021
12:03

Blake Lively paladina delle neo-mamme: “Dopo il parto ero insicura, non mi entravano più gli abiti”

Blake Lively è mamma di tre bambini e, nonostante venga considerata un’indiscussa icona di bellezza, per lei non è stato semplice accettare i cambiamenti post-parto. All’inizio si sentiva molto insicura, soprattutto perché gli abiti in commercio non si adeguavano al suo nuovo corpo. Si è servita dei social per affrontare la questione e in poche ore è diventata la paladina delle neomamme.
A cura di Valeria Paglionico

Tutti ricordiamo Blake Lively in abiti glamour e tacchi a spillo nei panni di Serena Van Der Woodsen di "Gossip Girl" ma da allora di tempo ne è passato e, nonostante non abbia perso l'innata passione per la moda, la sua vita è cambiata in modo drastico. Ha sposato Ryan Reynolds, da lui ha avuto tre figli, l'ultimo dei quali da poco più di un anno, e, anche se continua a lavorare nello spettacolo, ha ridotto le apparizioni pubbliche per dedicarsi il più possibile all'attività da mamma. Di recente ha approfittato dell'esperienza da genitore per lanciare un importante messaggio in tema di body positivity: le donne che hanno affrontato il parto da poco sono una categoria "trascurata" dal fashion system ed è arrivato il momento di produrre vestiti belli e femminili anche per loro.

Blake Lively sostiene le neomamme

Per Blake Lively non è stato semplice riconquistare la forma fisica dopo il parto del terzo figlio, ci sono voluti mesi di dieta e allenamenti intensi e faticosi per tornare alla silhouette pre-gravidanza. Nonostante ciò, durante il suo primo red carpet dopo la dolce attesa, è diventata lo stesso vittima di body shaming. La cosa che ha notato in quel periodo, però, è che gli abiti comunemente in commercio non facevano altro che aumentare il suo senso di insicurezza, cosa che capita quasi sempre a tutte le neo-mamme. Si social è servita dei social per affrontare la questione, mostrando un suo look post-partum risalente a un anno fa. Nella didascalia della Stories ha scritto:

Ho messo insieme una camicia di Lanvin e un vestito di Net a porter per creare questo outfit perché nessuno stilista e nessun negozio di abbigliamento avevano vestiti che mi entrassero dopo il parto. Non è bello per le neo mamme vedere che il loro corpo non entra nelle misure standard previste dall’industria della moda e ora, a distanza di un anno, vorrei essermi sentita più sicura di me in quel momento.

Blake Lively parla del periodo post–parto
Blake Lively parla del periodo post–parto

L'attrice è paladina di body positivity

La gravidanza cambia in modo drastico il corpo di una donna e, se da un lato lo si accetta con gioia durante i 9 mesi della dolce attesa, nel periodo post parto ci si rende conto del fatto che smagliature, pancia flaccida e chiletti di troppo sono difficilissimi da smaltire. Le star non fanno eccezione e, anche se alcune di loro tornano "miracolosamente" in splendida forma in pochissimi giorni, ce ne sono altre come Blake Lively che si ritrovano alle prese con insicurezza e solitudine dopo la nascita del figlio. Sebbene l'attrice abbia definito il suo corpo un "vero miracolo" perché le ha permesso di avere e di nutrire i suoi bambini, sa bene la frustrazione che si prova in un periodo tanto delicato. Ora, però, è arrivato il momento di cambiare: accettare il proprio corpo è il primo step da affrontare quando si diventa mamme e i brand dovrebbero aiutare le donne a non sentirsi sole, incentivando il benessere femminile con collezioni studiate ad hoc.

Blake Lively, dopo il parto usa il corsetto: "Non c'è bisogno di tornare subito in forma"
Blake Lively, dopo il parto usa il corsetto: "Non c'è bisogno di tornare subito in forma"
Accanimento verso le neo mamme: anche dopo il parto il loro corpo è giudicato per ogni cambiamento
Accanimento verso le neo mamme: anche dopo il parto il loro corpo è giudicato per ogni cambiamento
Blake Lively torna sul red carpet dopo il parto, incanta in nero ma diventa vittima di body shaming
Blake Lively torna sul red carpet dopo il parto, incanta in nero ma diventa vittima di body shaming
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni