Amate il vino e non riuscite a fare a meno di berne un bicchiere a fine giornata per rilassarvi? Per voi arrivano delle ottime notizie che probabilmente vi faranno fare ancora più aperitivi in compagnia degli amici. Il dottor Kari Poikolainen, l’esperto di alcol dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha condotto ricerche decennali sugli effetti dell'alcol sul corpo umano ed ha pubblicato i risultati raggiunti su un libro per dimostrare che consumare una bottiglia di vino da 75 cl in una giornata non fa affatto male, visto che migliora la pressione e la salute del cuore.

Essere astemi, al contrario, non fa bene alla salute, anche se fino ad oggi avevamo sempre creduto che uno dei segreti per vivere a lungo fosse condurre uno stile di vita sano, naturalmente senza alcolici. Secondo il dottor Poikolainen, quando si beve vino, l’importante è non superare il limite di 13 unità quotidiane ed una bottiglia ne contiene solo 10. “Stando alle prove, bere moderatamente è meglio che essere astemi, tuttavia gli importi possono essere superiori a quello che le linee guida dicono”, ha spiegato il dottore che ha condotto la ricerca.

Inutile quindi limitarsi nel bere per mantenersi in salute: il trucco per non avere alcun tipo di problema con l’avanzare dell’età è consumare una bottiglia di vino durante i pasti. Le critiche a questa ricerca sono moltissime: numerosi medici non riescono a spiegarsi per quale motivo l’alcol, essendo una tossina, riesca ad avere degli effetti esclusivamente positivi sul corpo. Il dottor Poikolainen in futuro spera di poter dare ulteriori prove al suo studio per dimostrare la sua incidenza nella vita reale.