La scuola sta per ricominciare e, nonostante l'emergenza Coronavirus continui a essere preoccupante con il numero di contagi in crescita costante, ad oggi sembra essere certo che il prossimo 14 settembre bambini e ragazzi di ogni parte d'Italia ritorneranno tra i banchi. La cosa potrebbe rivelarsi non poco traumatica per loro, visto che negli ultimi 6 mesi non hanno messo piede in un'aula tra vacanze estive e homeschooling. Per evitare di ritrovarsi alle prese con livelli eccessivi di ansia e stress, è possibile cominciare a fare qualcosa di preciso per riprendere gradualmente la propria normale routine quotidiana. A rivelarlo è la psicologa Hope Bastine, secondo la quale solo seguendo una serie di specifici consigli è possibile vivere in modo positivo questo difficile momento di transizione.

1. Adeguare le abitudini del sonno agli orari scolastici

Il cambiamento improvviso genera non poco stress nei bambini e nei ragazzini ed è per questo che farebbero bene ad adeguare le loro abitudini del sonno ai normali orari scolastici. Nelle due settimane precedenti al ritorno dai banchi, si dovrebbe evitare di andare a dormire tardi e svegliarsi a ora di pranzo, cominciando, invece, a mettere la sveglia alle 7. Così facendo, si ritroveranno i propri ritmi "normali".

2. Ridurre l'uso di Internet e smartphone

Stare in aula per 5 ore significa anche limitare al minimo l'uso dello smartphone in quel lasso di tempo. Se fino a qualche mese fa seguire le lezioni online concedeva una certa libertà sulla questione, ora le cose cambieranno e ci si dovrà riabituare alla normalità. Meglio, dunque, usare il telefono solo come sveglia e dopo "abbandonarlo" per qualche ora.

3. Fare una colazione abbondante e sana

Una colazione sana, abbondante e nutriente è l'ideale per cominciare la giornata con il piede giusto. Dà energia, combatte la stanchezza e l'irritabilità, tutte cose a cui si va facilmente incontro quando si passano almeno 5 ore in aula. L'ideale è ridurre al minimo gli zuccheri, preferendo uova strapazzate, pane integrale, banane e yogurt greco.

4. Mangiare cibi che stimolano il sonno

Per andare a dormire con il sorriso, evitando ansie e preoccupazioni al termine di una giornata scolastica, è necessario puntare su una cena a base di cibi che stimolano un buon sonno. Pollo, pesce azzurro, patate, sono solo alcuni degli alimenti che stimolano la produzione di melatonina, ovvero l'ormone del sonno. In generale, sarebbe bene optare per cene leggere e facilmente digeribili.

5. Programmare il tempo da dedicare allo studio

Quando ricomincia la scuola, è difficile riabituarsi ai suoi ritmi. Non di rado, soprattutto i più piccoli, cominciano a piangere e a essere nervosi ogni volta che devono entrare in classe. Per evitare che succeda, è necessario non caricare d'ansia il ritorno alla normale routine quotidiana. Mentre si studia, ad esempio, si possono programmare delle pause regolari da 10 minuti e, una volta arrivata la sera, bisogna distaccarsi totalmente da libri e compiti, così da lasciare riposare la mente.