Raggiungere l'orgasmo per una donna non è semplice, non deve solo provare un intenso piacere durante il rapporto sessuale, ma è necessario anche che sia coinvolta mentalmente in quella situazione. E' proprio per questo che gli uomini non riescono a capirci (quasi) nulla e finiscono per rovinare tutto con la domanda "Ti è piaciuto?". Per loro è arrivata la soluzione ideale che gli permetterà di evitare inutili imbarazzi. Si tratta di un "orgasmometro femminile", un test che misura in modo scientifico il piacere provato dalle donne durante un rapporto sessuale.

A idearlo, un gruppo di ricerca capitanato da Emmanuele A. Jannini, presidente SIAMS, che lo ha presentato al XII Congresso della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità. Con una scala da 1 a 10 la donna potrà valutare l'intensità del suo orgasmo. I dati hanno dimostrato che solitamente il piacere è più intenso con la penetrazione vaginale, considerata molto più efficace della stimolazione clitoride quando si vuole arrivare all'orgasmo. "L’indicazione sulla scala è naturalmente una valutazione soggettiva da parte della donna, ma i nostri dati mostrano che c’è un legame evidente con eventuali problemi di natura sessuale", ha dichiarato Jannini.

Come se non bastasse, a giudicare dai risultati della ricerca, la percezione del piacere aumenta quando non ci si masturba. Si infatti minore conoscenza del proprio corpo e della propria capacità di godimento. Sono finiti i tempi in cui si poteva fingere l'orgasmo, con l'orgasmometro nessuna donna potrà più simulare.