Che il mondo della moda fosse destinato a cambiare dopo il Coronavirus era cosa bene nota. Che fosse già cambiato in questa quarantena era difficile da immaginare. Eppure così è stato e la prova è il primo gala di moda nella storia a essere stato realizzato in streaming. L'annuale amfAR Gala, che si sarebbe dovuto tenere a chiusura del Festival di Cannes, in programma (e poi ovviamente rimandato) dal 12 al 13 maggio 2020, piuttosto che essere annullato e spostato a data da destinarsi, ha preferito adattarsi alla situazione, trasferendosi sul web. Il fashion show è andato in onda venerdì 1 maggio su Youtube, presentato proprio da Derek Blasberg, capo delle partnership di moda e bellezza della piattaforma di contenuti multimediali.

Thank you to @CarineRoitfeld and CR Runway for producing #FashionUnites and to @DerekBlasberg and @YouTube for hosting. Thank you to each of the models, designers and individuals who helped make the world’s first-ever virtual runway show a spectacular success. And thank you to all the first responders, healthcare workers, essential workers and researchers, and to everyone who tuned in to support the amfAR Fund to Fight COVID-19. For more info on how you can help, tap the link in our bio. #CRRunwayXamfAR #FashionUnites . . @gwneff @juliarestoinroitfeld @winnieharlow @adrianalima @joansmalls @abbychampion @eniko @alessandraambrosio @halima @goldenbarbie @candicehuffine @isabelifontana @irinashayk @shaninamshaik @jastookes @ambervalletta @ashleygraham @chadwhite21 @parkervannoord @lilyaldridge @mirandakerr @karolinakurkova @stellamaxwell @missfamenyc @cara_taylorrr @natashapoly @evaherzigova @lara_stone @carolynmurphy @misskarenelson @altonmason @kris_grikaite @mxlunaa @palomija @iamhyunjishin @shaynamcneill @vittoria @anokyai

A post shared by amfAR (@amfar) on

Un gala per medici e infermieri che combattono in prima linea il Covid-19

Ad avere l'intuizione è stata Carine Roitfled, ex direttrice di Vogue Francia, poi fondatrice di CF Fashion Book, che ha deciso di chiamare a raccolta modelle e celebrities da tutto il mondo per realizzare la sua Fashion Unites: CR Runway with amfAR against COVID-19, una vera e propria sfilata virtuale, progettata in collaborazione con amfAR, l'organizzazione che, dal 1993, raccoglie fondi per la ricerca contro l'HIV. Quest'anno, però, è cambiato anche l'obiettivo, poiché il ricavato sarà destinato ad aiutare chi sta fronteggiando in prima linea questa difficile emergenza, tra medici e personale sanitario. Si tratta della seconda edizione della CR Runway, dopo il successo dello scorso anno della sfilata organizzata insieme alla boutique LuisaViaRoma, in occasione del Pitti Uomo di Firenze.

Le modelle sfilano nel salotto di casa

Direttamente dal salotto di casa e con indosso gli abiti del loro guardaroba, hanno sfilato in tutta la loro bellezza e semplicità modelle come Adriana Lima, Winnie Harlow, Ashley Graham, ma anche Karolina Kurkova, Grace Elizabeth e Alessandra Ambrosio. Insieme a loro anche star e stilisti come Kim Kardashian West, Maria Grazia Chiuri, Alexander Wang e Jacquemus. Video amatoriali, filmati dalle stesse top model, con tanto di riprese del backstage, tra trucco e parrucco, e uno styling curato a distanza dal team della Roitfled.  Alcune di loro hanno sfilato in giardino, altre nel vialetto di casa. C'è poi chi ha preferito utilizzare come passerella le scale del proprio appartamento, la cabina armadio o la propria piscina. In un momento storico in cui la distanza fisica è l'unica forma di prevenzione che può davvero salvarci, tutti loro sono riusciti ad annullare spazi e confini in nome di una giusta causa, regalando mezz'ora di bellezza e di stile.