L’amenorrea è l’assenza delle mestruazioni per uno o più cicli e interessa il 15% della popolazione femminile in età fertile. Si distingue in amenorrea primaria, quando la prima mestruazione non compare entro i 14-16 anni, e secondaria, quando il ciclo scompare per almeno tre mesi. Esistono periodi della vita di una donna durante i quali l'assenza del flusso mestruale è fisiologica come la pubertà, la menopausa o la gravidanza ma è possibile che un disturbo simile si verifichi anche in altri momenti. In quei casi, è necessario sottoporsi a dei controlli medici per capire se esistono problemi di salute che provocano amenorrea. Ecco quali potrebbero essere le cause più comuni che portano all'assenza del ciclo anche quando non si è in menopausa o in dolce attesa.

Amenorrea da ovaio policistico – L’ovaio policistico è provocato da uno squilibrio ormonale che porta a un malfunzionamento delle ovaie. Normalmente, il follicolo che ha raggiunto la maturazione viene espulso con l’ovulazione e l’ovulo può essere fecondato, mentre, quando si soffre di un disturbo simile, il follicolo non completa lo sviluppo, non si verifica l’ovulazione e si formano diverse cisti nell'ovaio. Oltre all'assenza di mestruazioni, questo disturbo porta a sovrappeso, acne, perdita di capelli, aumenti di peli, bassa autostima. Per curarlo, solitamente si prescrive una pillola a base di estroprogestinici con azione antiandrogenica, capace di regolare il ciclo, anche se è necessario assumerla solo sotto consiglio medico.

Amenorrea ipotalamica – L' amenorrea ipotalamica è una sindrome causata dalla scarsa produzione delle gonadotropine a livello ipotalamoco. L'ovaio è perfettamente funzionante ma, non ricevendo segnali dagli ormoni, non ovuli e, di conseguenza, le mestruazioni non si presentano. Si tratta di una risposta dell’organismo femminile allo stress, al basso peso e all’intensa attività fisica, non a caso il disturbo è accompagnato anche da magrezza, calo del desiderio sessuale, pelle meno luminosa, secchezza vaginale. Per curare l'amenorrea ipotalamica esistono diversi rimedi, l'ideale è rivolgersi al ginecologo, al nutrizionista e a un medico che possa dare supporto psicologico.