10 Marzo 2021
09:25

Alexander Wang rompe il silenzio sulle accuse di molestie sessuali: «Mi pento d’aver causato dolore»

Lo stilista americano Alexander Wang dopo le accuse di molestie sessuali avanzate da diversi ragazzi lo scorso gennaio ha rotto il silenzio. Sul suo profilo personale Instagram ha pubblicato un nuovo post in cui si è detto pentito per il dolore causato e ha detto di aver imparato dai suoi errori.
A cura di Giusy Dente
Alexander Wang
Alexander Wang

Era stato il modello Owen Mooney a parlare per primo e forse nessuno si sarebbe aspettato l'effetto a catena delle sue dichiarazioni, rilasciate sui social. I fatti riportati dal ragazzo risalivano ad alcuni anni fa, quando era stato a suo dire al centro di attenzioni sessuali sgradite da parte di un noto esponente del mondo della moda. Non ci era voluto molto affinché il nome di Alexander Wang emergesse e dopo Mooney diversi altri ragazzi avevano accusato lo stilista 37enne di origini taiwanesi di molestie sessuali. Shit Model Management, che si occupa di scandali nel mondo della moda, aveva ricostruito l'intera vicenda dando la possibilità a tutti i diretti interessati di condividere le proprie esperienze, che erano più o meno simili: drogati e poi molestati sessualmente. Questo accadeva a gennaio: a distanza di mesi Wang ha rilasciato una nuova dichiarazione sui social in merito alle accuse nei suoi confronti.

Alexander Wang torna a parlare

A gennaio lo stilista aveva commentato l'accaduto con una nota diffusa attraverso i suoi social, in cui con fermezza si dichiarava estraneo ai fatti: «Queste accuse infondate sono state lanciate sui social media da siti che hanno ripetutamente ignorato il valore e l'importanza delle prove o del controllo dei fatti». Aveva al tempo stesso ringraziato tutti coloro che gli erano accanto, per il supporto contro quelle insinuazioni fabbricate ad arte nei suoi confronti. E in effetti il sostegno a Wang non è mai mancato, cosa che ha fatto irritare non poco Mooney: «Abbiamo bisogno di essere presi sul serio» aveva scritto indignato. Le vittime hanno avuto modo di incontrare Wang, come ha riportato su Twitter Lisa Bloom (che rappresenta 10 di loro). Il noto avvocato ha anche rappresentato le donne che avevano accusato l'ex presidente Trump di cattiva condotta sessuale. Ha spiegato che pur avendo accettato le scuse, le vittime andranno avanti ugualmente.

Lo stilista si pente del dolore causato

Alexander Wang, dopo il post dello scorso gennaio, ne ha pubblicato un altro: «Un certo numero di persone si è fatto avanti recentemente per sollevare reclami contro di me riguardo al mio comportamento personale passato. Sostengo il loro diritto di farsi avanti e ho ascoltato attentamente ciò che avevano da dire. Non è stato facile per loro condividere le loro storie e mi pento di aver agito in un modo che ha causato loro dolore. Sebbene non siamo d'accordo su alcuni dettagli di queste interazioni personali, darò un esempio migliore e userò la mia visibilità e influenza per incoraggiare gli altri a riconoscere comportamenti dannosi. Vivere significa imparare e crescere. Ora che ho imparato la lezione farò meglio».

Alexander Wang respinge le accuse, ma aumentano i modelli che raccontano le sue molestie sessuali
Alexander Wang respinge le accuse, ma aumentano i modelli che raccontano le sue molestie sessuali
Harry e Meghan perdono il supporto di Camilla: "Non riesce a perdonare il dolore causato a Carlo"
Harry e Meghan perdono il supporto di Camilla: "Non riesce a perdonare il dolore causato a Carlo"
Donne avvenenti più credibili se denunciano molestie: lo studio sull'influenza degli stereotipi
Donne avvenenti più credibili se denunciano molestie: lo studio sull'influenza degli stereotipi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni