da sinistra Azzaro, Elie Saab, Alexandre Vauthier
in foto: da sinistra Azzaro, Elie Saab, Alexandre Vauthier

Solitamente le passerelle Haute Couture sono invase solo ed esclusivamente da sontuosi abiti principeschi, con vaporose gonne di tulle, lunghi strascichi in seta, da sensuali abiti a sirena con gonne aderenti o da abiti con gonne asimmetriche che lasciano le gambe scoperte. Ultimamente però nell'Alta Moda qualcosa sta cambiando, si respira un'aria più moderna: a sfilare sono abiti eleganti e raffinati realizzati a mano per occasioni speciali, ma anche completi più pratici e non arzigogolati, look per una donna contemporanea forte e decisa, non più vista solo ed esclusivamente come una romantica principessa rinchiusa in una sala da ballo.

Le passerelle parigine dell'Haute Couture sono il luogo in cui i grandi designer  propongono le collezioni d'Alta Moda, ovvero collezioni con capi unici realizzati a mano e con tessuti preziosi, solitamente molto più costosi degli abiti delle linee prêt-à-porter. Si tratta di collezioni destinate a celebrities, principesse, first ladies e sono composte da abiti da sera e completi eleganti pensati per occasioni speciali, cene formali, eventi di Gala e red carpet, dunque abiti non da indossare nella vita quotidiana. Per questo solitamente le collezioni Haute Couture sono prevalentemente composte da sontuosi modelli dalle gonne vaporose, tacchi a spillo e gioielli preziosi.

Scarpe basse e pantaloni, la couture delle regine moderne

Negli ultimi anni, però, le principesse con gli abiti rosa e le gonne di tulle non sono più di moda: quelle di oggi sono regine moderne che indossano pantaloni e tailleur pratici ed essenziali, sì decorati con paillettes e ricami da mille e una notte ma con linee più asciutte che non impediscono i movimenti. Qualche anno fa fu Karl Lagerfeld uno dei primi designer a proporre stivali senza tacco e poi addirittura sneakers sulle passerelle parigine di Chanel, poi è arrivata la rivoluzione di Maria Grazia Chiuri con Dior che ha proposto una donna romantica ma decisa, capace di indossare soavi abiti bianchi ma anche completi iper moderni.

I pantaloni couture alle sfilate di Parigi Primavera/Estate 2019

Ora sulle passerelle Primavera/Estate 2019 dell'Haute Couture di Parigi i lunghi abiti da sera lasciano il passo a smoking ricoperti di paillettes, eleganti completi con pantaloni e giacche a coda, a look con tailleur dalle linee maschili resi femminili da pietre e cristalli cuciti sul tessuto.  A proporre outfit con "pantaloni couture" moltissimi stilisti come Elie Saab, celebre per i suoi sensuali abiti lunghi da Diva, nella collection primaverile inserisce eleganti completi dai colori pastello con morbidi pantaloni che spuntano da giacche ricoperte di motivi floreali. Azzaro fa sfilare luccicanti completi con giacche e pantaloni oversize, Givenchy propone look androgini ed essenziali in black and white, Schiaparelli sceglie affascinanti floral print, mentre Jean Paul Gaultier gioca con linee impossibili creando ipnotici look dalle linee originali. Sembra dunque che anche nella Couture qualcosa stia cambiando, del resto la moda deve essere sempre al passo con i tempi e le donne non amano più i maxi abiti che incatenano il corpo rendendolo immobile.