24 Settembre 2021
11:17

Addio alle pellicce nella moda di lusso: la svolta cruelty free del gruppo Kering

Kering, gruppo della moda di lusso che possiede brand come Saint Laurent, Alexander McQueen e Balenciaga, ha messo in atto una vera e propria svolta: ha detto addio alle pellicce. A partire dalle collezioni Autunno/Inverno 2022, gli abiti non verranno più realizzati in tessuti di origine animale.
A cura di Valeria Paglionico

Kering, gruppo internazionale che opera nel settore della moda di lusso, ha fatto un importante annuncio: non utilizzerà più le pellicce animali. I marchi che possiede, da Gucci a Saint Laurent, fino ad arrivare a Balenciaga, Alexander McQueen e Bottega Veneta, a partire dalle collezioni Autunno/Inverno 2022 elimineranno da abiti e accessori ogni tipo di pellame e di tessuto di origini animale. Così facendo, l'azienda spera di ridurre in modo drastico lo sfruttamento degli animali nel mondo della moda, ormai destinato a diventare cruelty free.

La scelta sostenibile del gruppo Kering

Le collezioni per il prossimo Autunno/Inverno saranno all'insegna del cruelty free: il gruppo Kering ha chiesto a tutte le Maison di non usare più le pellicce nelle nuove proposte fashion. "Da molti anni Kering ha cercato di assumere un ruolo guida nel percorso di sostenibilità promuovendo una visione del lusso inseparabile dai più alti valori e standard ambientali e sociali. Anche per quanto riguarda il benessere degli animali, il nostro Gruppo ha sempre dimostrato la volontà di migliorare le pratiche sia all'interno della propria filiera che dell'intero settore del lusso in generale", sono state queste le parole con cui François-Henri Pinault, presidente e ceo di Kering, ha motivato la drastica scelta messa in atti.

I brand che hanno fatto da "apripista" nel campo del cruelty free

Consapevole del fatto che il mondo sta cambiando (e con lui anche i clienti), François-Henri Pinault ha spiegato che è arrivato il momento di fare un passo avanti nel settore del lusso. È per questo che a lungo andare saranno sempre di più i brand fashion che punteranno tutto su una svolta vegan. Gucci lo aveva già fatto nel 2017 e oggi a fargli seguito sono tutti gli altri marchi del gruppo Kering. Non sorprende, dunque, che già nel 2019 quest'ultimo aveva definito e pubblicato una serie di standard per il benessere degli animali: oggi continueranno ad essere applicati e riguarderanno l'utilizzo anche di altre fibre e materiali.

Prada dice stop alle pellicce, il marchio di moda adotterà una politica fur free dal 2020
Prada dice stop alle pellicce, il marchio di moda adotterà una politica fur free dal 2020
La moda abbandona la pelliccia: anche Balenciaga e Alexander McQueen diventano fur free
La moda abbandona la pelliccia: anche Balenciaga e Alexander McQueen diventano fur free
Gucci dice no alle pellicce: la Maison abbraccia la tendenza fur-free
Gucci dice no alle pellicce: la Maison abbraccia la tendenza fur-free
Ddl Zan, la delusione del mondo della moda. Pierpaolo Piccioli: "Il mio Paese non è quello che applaudiva"
Ddl Zan, la delusione del mondo della moda. Pierpaolo Piccioli: "Il mio Paese non è quello che applaudiva"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni