Nei mesi scorsi, la Francia aveva approvato una legge che richiedeva alle modelle di presentare un certificato medico al momento dell’ingaggio, così da dimostrare di non essere affette da disturbi alimentari gravi come l’anoressia. Giovedì scorso è stato presentato un nuovo modello di legge che costringe tutte le modelle, anche quelle che hanno già un lavoro, a mostrare un certificato medico firmato dal medico per avere la certezza che siano sane.

Il provvedimento precedente era stato fortemente criticato perché l’indice di massa corporea non sarebbe capace di dare informazioni sullo stato di salute di una ragazza o sulla possibile presenza di un disturbo alimentare. Inoltre, non tiene conto dell’età, della struttura ossea, della massa muscolare e della percentuale di grasso. E’ proprio per questo che era stata accolta con innumerevoli proteste dal mondo della moda. La nuova legge invece si affida ai controlli medici stessi, che dovranno confermare che il peso delle ragazze sia compatibile con la loro professione.

Inoltre, sarà vietato rendere con Photoshop ed altri programmi simili la silhouette delle modelle più stretta rispetto alla realtà, a meno che non venga indicato nella didascalia che quelle foto sono state ritoccate. Coloro che non la rispetteranno andranno incontro a pesanti conseguenze, come reclusione fino a 6 mesi e multe fino a 75mila euro. In Francia, si stima che circa 30.000 persone soffrono di anoressia, un numero decisamente inaccettabile, considerando il fatto che sono i media stessi con modelli di bellezza irraggiungibili propinati a spingere le ragazzine a dimagrire in modo così eccessivo.