205 CONDIVISIONI
Opinioni
23 Novembre 2013
11:00

Abercrombie si oppose ai “grassi”, dopo il calo di vendite ora apre alle taglie forti

Un calo di almeno il 30% dei profitti e tante polemiche: queste sarebbero le motivazioni che avrebbero portato il marchio Abercrombie & Fitch alla decisione di aprire il proprio mercato alle taglie plus-size, ovvero quelle al di sopra della 40/42.
A cura di Eleonora D'Amore
205 CONDIVISIONI

In molti ricorderanno la polemica nata intorno alla decisione di Abercrombie & Fitch di chiudere il proprio mercato alle "persone grasse", proclamando la presenza nei loro negozi solo di "ragazzi fighi". Ebbene, dopo questa notizia e a seguito di un calo di vendite pari al 30% dei profitti, il noto marchio di moda ha preso una drastica posizione nella direzione opposta. Aprirà il suo mercato alle taglie plus-size e "concederà" le sue creazioni anche alla taglie al di sopra della 40/42.  A quanto pare le svariate manifestazioni di dissenso, provenienti dal mondo dello spettacolo (del quale citiamo solo alcuni nomi eminenti: ) e quelle provenienti dalla fetta di potenziali acquirenti emarginati (come la lettera di una ex ragazza grassa al ceo di Abercrombie), hanno contribuito a sollevare una questione che, senza ombra di dubbio, non era solo legata ad un cartellino esposto su una gruccia.

205 CONDIVISIONI
Casertana di origine, napoletana di adozione. Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università L'Orientale di Napoli, lavora a Fanpage.it dal 2010, anno in cui il giornale è nato. Caposervizio dell'area spettacolo.
Da Abercrombie&Fitch arrivano le taglie over
Da Abercrombie&Fitch arrivano le taglie over
"Mi dicevano che sono grassa": ora è la modella di intimo più gettonata (FOTO)
"Mi dicevano che sono grassa": ora è la modella di intimo più gettonata (FOTO)
"Attraente e grassa", la risposta alle 'restrizioni' del marchio Abercrombie
"Attraente e grassa", la risposta alle 'restrizioni' del marchio Abercrombie
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni