Si chiama “A4 Challenge”, o “A4 Waist Challenge”, ed è l’ultima insana mania social che sta spopolando sul web. Arriva dalla Cina, precisamente dal social network Weibo, e viene considerata la soluzione ideale per misurare la propria magrezza. Sono moltissime le ragazze, servendosi di un comunissimo foglio da stampante A4, mostrano di avere una forma fisica invidiabile. In particolare, se la loro vita non supera la larghezza del foglio, allora possono dire di avere un corpo perfetto e di non aver bisogno di alcuna dieta.

Dopo la belly-button challenge, il cui scopo era toccarsi l’ombelico facendo passare il braccio dietro la schiena, e la moda Collarbones, che consisteva nel poggiare monete ed oggetti nell'incavo che si viene a creare tra collo e spalla, la Cina sembra non voler smettere di trasmettere un ideale di bellezza insano e preoccupate. La misura del foglio corrisponde infatti ad un punto vita di 53 cm, praticamente una taglia 34/36, che neppure le magrissime modelle che sfilano in passerella possono vantare. L’A4 Challenge sta lentamente arrivando anche in Occidente, tanto che su Instagram sono moltissime le ragazze che sfoggiano la loro magrezza servendosi del foglio bianco.

Avere una vita sottile non significa necessariamente essere magre, ma è solo una conseguenza del fatto che si ha una particolare conformazione fisica “a clessidra”. E’ proprio per questo che l’A4 Challenge non dovrebbe essere sostenuta. Spinge milioni di ragazze ad imitare standard irrealistici e non può essere utilizzata come indicatore della propria bellezza.