Tutte le neomamme sanno bene quanto sia importante l’allattamento al seno. E’ infatti un’esperienza fondamentale per rafforzare il rapporto tra mamma e bambino poiché per il piccolo non è solo una forma di sostentamento ma anche un modo per ricevere affetto, consolazione, calore, sicurezza e attenzione. Quando però non si ha dimestichezza con i bambini, l’allattamento può diventare una vera e proprio fonte di stress. Non si capisce per quale motivo il piccolo non si attacca al seno, non si sa quando ha mangiato a sufficienza e ci si chiede quante volte bisogna nutrirlo. Ecco i 5 consigli per vivere l’allattamento al seno senza stess.

1. Non avere paura di sbagliare – Avere ansia e timore di sbagliare, soprattutto quando si è diventate mamme per la prima volta, è assolutamente naturale. Bisogna però imparare a controllare la propria paura. Quando quest’ultima diventa “paralizzante” porta alla perdita della propria spontaneità e il piccolo inconsciamente lo avverte. Tutti fanno degli errori, l’importante è viverli con serenità. Accanto ad un bambino si imparerà ogni giorno qualcosa di nuovo.

2. Non arrendersi quando il piccolo non si attacca al seno – Una delle domande più frequenti che le mamme si pongono è: per quale motivo il piccolo non si attacca al seno? Quando succede, di solito, è perché ha bisogno di un aiuto per capire dove deve poppare. Non bisogna arrendersi fin quando il bimbo non avrà capito come fare. Quelle che proprio non ci riescono, possono rivolgersi ad un professionista, così da ritrovare la serenità in questo atto così naturale.

3. Vivere le notti in bianco con serenità – Le notti in bianco, la stanchezza e lo stress si fanno sentire dopo i primi mesi di vita del bambino ma non bisogna farsi prendere dal panico, è un momento che passerà. Sarebbe bene dunque vivere quelle nottate stressanti con serenità, trasformandole in momenti intimi passati accanto al proprio piccolo con  la luce dell’alba che illumina la stanza e la città silenziosa intorno.

4. Non darsi degli orari troppo precisi – Il bambino deve mangiare ogni volta che ha fame, in media tra le 8 e le 10 volte in 24 ore. E’ importante però che ogni mamma dimentichi l’orologio quando allatta al seno. Darsi degli orari precisi dedicati all’allattamento è controproducente e può generare stress sia nel piccolo che nella mamma.

5. Godersi il contatto con il piccolo – L’allattamento non è solo una fonte di nutrimento ma è anche un contatto di pelle tra la mamma e il bambino. Quando una madre è felice, lo è anche il suo neonato ed è proprio per questo che una donna deve godersi un momento tanto meraviglioso. Un gesto così semplice racchiude tutto l’amore provato per la propria creatura.