Il Festival del Cinema di Venezia è ormai nel pieno e per le celebrità italiane ed internazionali è una buona occasione per sfoggiare degli outfit da sogno. Come ogni anno c’è chi ha dato spazio alla raffinatezza e all’eleganza e chi invece ha decisamente toppato. Una tra le ospiti più attese di questa 72esima edizione era Marina Ripa di Meana. Chi conosce il suo stile e i suoi precedenti red carpet sa bene che avrebbe sicuramente dato spazio all’eccentricità e alla creatività. Le sue “sfilate” sul tappeto rosso veneziano sono sempre sopra le righe poiché sfoggia dei look unici e singolari.

Non a caso, negli anni ’70 è stata proprio lei a guidare la macchina della Biennale nella stagione del “dissenso”. Quest’anno l’attrice italiana non ha deluso le aspettative dei suoi fan ed ha indossato degli abiti davvero particolari, dallo stile stravagante e teatrale. Per il suo debutto sul red carpet, prima della proiezione di “Everest”, ha indossato un abito con scollo bardot e gonna ampia, decorata di stampe carnevalesche in blu e nero. Marina Ripa di Meana avrà forse dimenticato che siamo solo a settembre e che il Carnevale è ancora lontano, dato che a completare il look aveva anche un cappellino a forma di mascherina che le nascondeva metà volto.

Un abito decisamente sopra le righe che potrebbe essere paragonato ad una bottiglia d’acqua, a Batman o semplicemente ad una mascherina di Carnevale. A fare ancora più scalpore è il suo secondo outfit, sfoggiato prima della proiezione di "Spotlight": un abito nero ricoperto di pailettes dorate, abbellito da uno scialle in tinta e soprattutto da un copricapo ricoperto di ragnetti che le cadevano sulla chioma rossa. Marina Ripa di Meana con il suo insolito accessorio potrebbe fare decisamente concorrenza a delle tarantole. La ciliegina sulla torta? Il marito Carlo che non si è mai lasciato influenzare dalla stravaganza della compagna e che sceglie sempre di indossare dei completi sobri ed eleganti.