E' tempo di novità in casa Zara, il colosso spagnolo della moda low-cost, che ha appena cambiato il suo logo, lanciandone uno nuovo per l'arrivo della collezione Primavera/Estate 2019. A differenza di molti altri marchi fashion, Zara è andata controcorrente, dicendo addio allo stile minimal e sovrapponendo alcuni caratteri: ecco chi ha realizzato il re-branding dell'azienda.

Chi ha firmato il nuovo logo di Zara?

E' in arrivo la collezione Primavera/Estate 2019 di Zara e per  l'occasione il colosso della moda low-cost ha deciso di modificare il suo logo, introducendone uno tutto nuovo. Se il design precedente vedeva una scritta minimal con le lettere graziate in maiuscoletto, questa volta la scritta Zara ne ha scelta una sempre in carattere serif ma con le lettere sovrapposte e la "R" con una gamba particolarmente pronunciata. A realizzare il re-branding dell'azienda è stata l’agenzia pubblicitaria Baron & Baron, al cui vertice c'è Fabien Baron, famoso per aver collaborato con Madonna, Interview e Harper’s Bazaar nel corso della carriera. Non è un caso che siano stati moltissimi quelli che hanno notato la somiglianza tra il logo del brand e quello della testata dello storico fashion magazine americano. Si tratta del secondo cambio look per il colosso spagnolo, il primo c'è stato nel 2010 ed era molto simile all'originale. L'obiettivo che si vuole raggiungere con questa nuova immagine? Favorire la leggibilità della scritta sia sugli schermi dei device che sui tessuti. Così facendo, Zara si è distaccata dallo stile tipografico minimal dei più grandi marchi fashion come Balenciaga, Burberry e Berluti. Gli utenti del web non hanno accolto questa piccola rivoluzione con poco entusiasmo, secondo molti, infatti, si creerebbe solo confusione, visto che la scritta sembra recitare "Zaba" invece che "Zara".