Yves Saint Laurent è stato uno degli stilisti più amati della storia, tanto che a 11 anni dalla sua scomparsa continua a essere apprezzato e imitatissimo. La Maison che porta il suo nome è simbolo di eleganza senza tempo e gli abiti e gli accessori che sfilano in passerella oggi riescono ad adeguarsi alla perfezione alle mode e ai trend in continua trasformazione. Qual è stato il segreto del successo dello stilista di origini algerine? Essersi sempre ispirato al mondo dell'arte. Essendo stato un collezionista di opere oltre che un designer, conosceva bene le emozioni che si provavano di fronte a quadri di grandi pittori come Braque, Delacroix, Mondrian. È però a Van Gogh che si è ispirato per una delle sue creazioni iconiche, la giacca che riproduce i colori e le fantasie de "I Girasoli".

Si tratta di un modello ricamato a mano che ha richiesto 600 ore di lavoro per essere portato a termine, è stato ideato per la collezione Primavera/Estate 1988 e a indossarlo per la prima volta in passerella fu Naomi Campell. Oggi quel capo è vintage, ne esistono solo 4 pezzi in tutto il mondo ma, nonostante ciò, non ha perso la bellezza e la raffinatezza che l'hanno sempre contraddistinto. Dopo che una di loro è stata acquistata dalla National Gallery of Victoria di Melbourne, è stata messa all’asta pochi giorni fa da Christie’s. Il prezzo partiva da 120.000 euro ma le offerte sono arrivate a cifre esorbitanti, superando anche quelle dello scorso gennaio, quando era stata messa in vendita la versione Iris, battuta a 175.000 euro. Oggi qualcuno si è aggiudicato quel pezzo vintage e unico ispirato Van Gogh per ben 382.000 euro, un vero e proprio record per il fashion system. Cosa si proverà nell'indossare una vera e propria opera d'arte?