WE.WOMEN è il progetto fotografico proposto dalla fotografa Neringa Rekašiūtė, dalla giornalista Beata Tiškevič e dalla specialista di comunicazione Modesta Kairytė, tre donne lituane che hanno invitato le dodici protagoniste delle foto a togliersi i vestiti e a mettersi davanti allo specchio in lingerie.

C'è chi sorride dei propri chili di troppo, chi chiude gli occhi di fronte al proprio fisico longilineo e palestrato, chi va fiera delle proprie rughe e degli anni che passano, ogni donna racconta la sua storia attraverso il proprio corpo e la propria espressione: anoressia, bulimia, cancro al seno, vitiligine, depressione, obesità sono solo alcuni dei problemi di auto-accettazione affrontati dalle protagoniste delle foto. WE.WOMEN vuole combattere l’idea di bellezza promossa dai massa media in Lituania.

Il corpo perfetto non esiste e bisogna accettarsi con tutti i propri difetti, credere in sé stesse è il primo passo da fare per essere felici. L’obiettivo iniziale della fotografa era quello di catturare gli sguardi delle donne dinanzi allo specchio, dimostrando l'importanza di amare il proprio corpo, nonostante i mille problemi affrontati da ognuno di noi. “Ci sono molti stereotipi sulla bellezza delle donne lituane, ma questo culto esasperato del corpo sano è spesso dannoso per tante giovani. Quello che cerchiamo di fare con il nostro progetto è incoraggiare le donne ad accettare e amare i loro corpi, così come sono. Con tutte le cicatrici interiori ed esteriori”,ha dichiarato l’artista lituana. Il servizio fotografico è stato molto apprezzato e soprattutto è riuscito a dare forza e sicurezza a tutte le partecipanti.