Rowena Fuller è una donna di 60 anni e la sua storia è straziante. Quando aveva 16 anni è stata costretta a rinunciare alla sua bambina appena nata. Era il 1973, aveva partorito da 10 giorni, quando ha dato la piccola in adozione per volere della mamma che, non accettando il fatto che fosse stata abbandonata dal marito, non voleva che anche la figlia facesse la sua stessa fine. “Mia madre temeva di perdere il suo posto al golf club. E’ stata così insensibile, non ha neppure preso in considerazione la possibilità che potessi tenere la piccola”, ha spiegato la donna straziata.

Per più di 40 anni, la mamma non si è mai pentita di quello che aveva fatto a Rowena ma, poco prima di morire, le ha finalmente chiesto scusa. La donna, commossa, ha deciso di dunque di non starsene con le mani in mano e di fare il possibile per ritrovare la figlia che aveva abbandonato da adolescente. Ha dunque lanciato un appello sul web ma la reazione degli utenti è stata terribile. In moltissimi hanno riempito il suo profilo di offese e messaggi di odio, definendola egoista e senza cuore. La cosa che quasi tutti le hanno rimproverato è il fatto che per ben 40 anni non si è mai preoccupata delle sorti di sua figlia, dimostrando disinteresse e disamore.

Le accuse rivolte nei suoi confronti sono state così terribili che le hanno fatto pensare anche di prendersi una pausa dai social. Rowena, però, non si è lasciata prendere dal panico: è determinata a ritrovare la figlia perduta prima che sia troppo tardi. Ormai ha 60 anni e il suo sogno più grande è ricongiungersi alla sua creatura prima di perdere la vita.