Versace è una delle Maison italiane più famose al mondo e nelle ultime ore ha raggiunto un nuovo traguardo: ha sfilato per la prima volta a New York. La direttrice creativa Donatella Versace ha scelto proprio la Grande Mela per presentare la collezione Pre-Fall 2019, unendo la tradizione sartoriale  italiana con l'energia della città americana. Così facendo, ha "invaso" la passerella con il suo stile inconfondibile fatto di dettagli aggressive, elementi iconici e combinazioni audaci.

La collezione Versace Pre-Fall 2019

Versace ha raggiunto l'ennesimo traguardo della sua storia: dopo la vendita a Michael Kors ha sfilato per la prima volta a New York, sulle cui passerelle è stata presentata la collezione Pre – Fall 2019. La direttrice creativa dela Maison Donatella Versace ha dato ancora una volta spazio agli elementi iconici che hanno reso inconfondibile il suo stile, anche se ha deciso di mescolarli alle mille luci della Grande Mela, dando vita a qualcosa di decisamente inedito. "E’ la prima volta che presento la mia collezione a New York. Sono molto emozionata, ho voluto creare una linea che unisse la tradizione sartoriale di Milano con l’energia di New York in un omaggio a questa città unica", ha commentato la stilista. Nella Grande Mela ha voluto celebrare le sue origini italiane con delle combinazioni audaci, ha infatti mischiato zebrato e stelle, mentre la stampa Voyage Barocco è diventata un mix di elementi inediti come la chiave greca e il barocco. Non sono mancati i colori fluo combinati alle tonalità autunnali, la stampa "Love Versace", i cristalli di ogni nuance su tessuti trasparenti, denim e chiffon di seta. Insomma, Versace ha voluto conservare il suo legame con il passato pur avendo lo sguardo rivolto al futuro: quale città meglio di New York, in bilico tra mitologia e realtà moderna, avrebbe potuto incarnare questo spirito?

Donatella Versace ripropone le spille da balia create da Gianni

Donatella Versace era molto legata al fratello Gianni e, nonostante siano passati più di 20 anni da quando è stato tragicamente assassinato, continua a rendergli omaggio in ogni suo lavoro. A New York, ad esempio, ha voluto ricordarlo riproponendo sul catwalk uno degli accessorio che lo hanno fatto entrare tra le leggende del fashion system, la spilla da balia. Era il 1994 quando il compianto stilista ha firmato l'iconico abito nero con le grosse spille da balia dorate che rivelavano la silhouette indossato da Elizabeth Hurley per accompagnare Hugh Grant alla prima dl film "Quattro matrimoni e un funerale" e da allora quel dettaglio è diventato un marchio di fabbrica della Maison. Non è un caso che ancora oggi quell'accessorio riesca ad aggiungere un tocco rock e femminile a ogni outfit. Insomma, in occasione di un traguardo tanto importante come la sfilata a New York, Donatella ha trovato il modo di ricordare il suo amato fratello.

Dalla Lively alla Kardashian: le star alla prima sfilata Versace a New York

Essendo un evento esclusivo per il fashion system, la prima sfilata a New York di Versace non poteva che attirare l'attenzione di moltissime star. Non solo in passerella si sono distinte per bellezza e fascino delle top model di successo come Gigi Hadid e Kaia Gerber, anche il front-row "pullulava" di celebrities, da Uma Thurman a Lupita N'Yongo, fino ad arrivare a Ciara, Sara Sampaio e Mary J Blige. Ad attirare le attenzioni dei media, però, sono state Kim Kardashian e Blake Lively: la prima ha puntato tutto sulla sensualità con un minidress ricoperto di cristalli che rivelava le forme procaci, la seconda apparsa completamente trasformata con un vestito argentato e i capelli vaporosi. Come non fare riferimento a Paris Jackson in un'inedita versione rossa? Insomma, le amiche "famose" di Donatella sono davvero molte e non si sarebbero perse per nessuna ragione al mondo un evento tanto importante per lei.